"Peaceful Tomorrows": il pacifismo statunitense tra le macerie del World Trade Center

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Francesco Consiglio
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 35 P. 99-133 Dimensione file: 295 KB
DOI: 10.3280/MON2016-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Una cesura storica importante come l’11 settembre 2001 ha costituito un pun-to di rottura e un volano fondamentale per l’evoluzione del pacifismo nella società statunitense? Da questa domanda muove l’autore, che cerca di ricostruire, utiliz-zando materiali di prima mano, l’evoluzione dei movimenti pacifisti negli Usa immediatamente dopo l’11 settembre, fino all’autunno del 2002. Nel corso di un solo anno i cittadini americani furono coinvolti in una serie di sfide drammatiche: l’11 settembre, la guerra in Afghanistan, il Patriot Act. In questo complesso scena-rio, alcuni movimenti pacifisti, seppur minoritari e isolati, riuscirono ad uscire allo scoperto costruendosi una propria identità. Com’è stato possibile parlare di pace all’indomani dell’11 settembre? Chi ha provato a farlo? Quali trasformazioni con-traddistinsero la nuova fase? Il movimento contro la guerra in Iraq, iniziato nell’ottobre del 2002 ed "esploso" nella primavera del 2003, scaturì dall’esperienza difficile del 2001? Muovendosi in un contesto ancora non analiz-zato con rigore, l’autore tenta di rispondere a queste domande, soffermandosi sull’esperienza di Answer Coalition e Peaceful Tomorrows.

Francesco Consiglio, "Peaceful Tomorrows": il pacifismo statunitense tra le macerie del World Trade Center in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2016, pp 99-133, DOI: 10.3280/MON2016-001004