Clicca qui per scaricare

Figli e figlie di migranti. Dall’identità plurale alla capacità di aspirare
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’ 
Autori/Curatori: Simona Miceli 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 88-99 Dimensione file:  167 KB
DOI:  10.3280/PSC2016-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo intende riflettere sul rapporto tra identità e capacità di progettare il futuro nell’esperienza dei figli e delle figlie dei migranti. Ipotesi di partenza è che le cosiddette seconde generazioni si trovino in una situazione di ambivalenza. Da un lato la possibilità di sviluppare un’identità plurale sembra essere una risorsa per progettare il futuro in una società globale. Dall’altro diversi vincoli di natura sociale, come gli stereotipi diffusi dai media o la stessa normativa sulla cittadinanza, rischiano di confinarli in una posizione di svantaggio. La famiglia può giocare un ruolo decisivo nel bilanciare queste tendenze contrastanti. Le questioni proposte saranno sviluppate anche attraverso la presentazione del materiale raccolto attraverso una ricerca qualitativa realizzata nella città di Reggio Calabria.


Keywords: Seconde generazioni, aspirazioni, migrazione, identità, futuro, agency.

  1. Ambrosini M. (2001). La fatica di integrarsi: immigrati e lavoro in Italia. Bologna: Il Mulino.
  2. Ambrosini M., Molina S., a cura di (2004). Seconde generazioni. Un’introduzione al futuro dell’immigrazione in Italia. Torino: Fondazione Giovanni Agnelli.
  3. Appadurai A. (2004). The Capacity to Aspire: Culture and the Terms of Recognition, In Vijayendra Rao and Michael Walton (ed.). Culture and public action. Stanford, CA: Stanford University Press.
  4. Bauman Z. (1999). La società dell’incertezza, trad. it. Bologna: Il Mulino.
  5. Beck U. (2000). La società del rischio. Verso una seconda modernità, trad. it. Roma: Carocci.
  6. Bettin Lattes G. (2001). I giovani europei tra futuro e presente. La condizione giovanile e il tempo storico. Queste Istituzioni, 123: 15-29.
  7. Colombo E. (2012). Immaginario e differenza. Le aspirazioni multiculturali dopo la crisi del multiculturalismo. In: De Leonardis O., Deriu M., a cura di, Il futuro nel quotidiano. Studi sociologici sulla capacità di aspirare. Milano: Egea, pp. 51-64.
  8. Colombo E. (2007). Molto più che stranieri, molto più che italiani. Modi diversi di guardare ai destini dei figli di immigrati in un contesto crescente di globalizzazione. Mondi Migranti, 1: 63-85.
  9. Dal Lago A. (2004). Non persone. L’esclusione dei migranti dalla società globale. Milano: Feltrinelli.
  10. Granata A. (2011). Sono qui da una vita. Dialogo aperto con le seconde generazioni. Roma: Carocci.
  11. Jedlowski P. (2012). Il senso del futuro. I quadri sociali della capacità di aspirare. In: De Leonardis O., Deriu M., a cura di, Il futuro nel quotidiano. Studi sociologici sulla capacità di aspirare. Milano: Egea, pp. 1-17.
  12. Jedlowski P. (2008). Il sapere dell’esperienza. Fra l’abitudine e il dubbio. Roma: Carocci.
  13. Mandich G. (2012). Il futuro quotidiano. Habitus, riflessività e capacità di aspirare. In: De Leonardis O., Deriu M., a cura di, Il futuro nel quotidiano. Studi sociologici sulla capacità di aspirare. Milano: Egea, pp. 19-30.
  14. Mannheim K. (1952). Saggi sulla sociologia della conoscenza. Bari: Dedalo.
  15. Micheli G. (2013). Come spiegare l’inazione delle nuove generazioni. Derive biografiche e condizionamenti generazionali. Rassegna Italiana di Sociologia, 1: 89-118.
  16. Rampazi M. (2012). Una questione di rispetto. La costruzione del futuro nell’esperienza dei giovani. In: De Leonardis O., Deriu M., a cura di, Il futuro nel quotidiano. Studi sociologici sulla capacità di aspirare. Milano: Egea, pp. 83-99.
  17. Scego I. (2010). La mia casa è dove sono. Milano: Rizzoli.
  18. Schizzerotto A. (2002). Vite ineguali. Disuguaglianze e corsi di vita nell’Italia contemporanea. Bologna: Il Mulino

Simona Miceli, in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 1/2016, pp. 88-99, DOI:10.3280/PSC2016-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche