Clicca qui per scaricare

Dalle conclusioni imperfette alle concludenze
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Enza Laurora 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 26-48 Dimensione file:  215 KB
DOI:  10.3280/PSP2016-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La riflessione sulla fenomenologia delle conclusioni non condivise, porta l’Autore ad individuare un altro criterio di conclusione centrato sulle motivazioni evolutive inconsce del paziente che, oltre a conferire significato psicoanalitico alle concludenze, porta ad un nuovo modello di sviluppo processuale. A questo proposito propone, con argomentazioni teoriche ed esemplificazioni cliniche, di pensare al lavoro della cura come ad un processo, messo in moto dalle motivazioni evolutive inconsce del paziente, modulato sia a livello di attivazione transferale che a livello di setting, dal bisogno del paziente di evolversi senza perdere stati accettabili di organizzazione psichica.


Keywords: Fine dell’analisi, concludenze, processo terapeutico, coesione e vitalizzazione del Sé, auto-eterorganizzazione, motivazione evolutiva inconscia.

  1. Baranger W., Baranger M. (1990). La situazione psicoanalitica come campo bipersonale. Milano: Cortina.
  2. De Simone G. (1994). La conclusione dell’analisi. Roma: Borla.
  3. Fosshage J.L. (1994). Toward reconceptualising transference: Theoretical and clinical considerations. The International Journal of Psychoanalysis, 75: 265-280.
  4. Freud S. (1937). Analisi terminabile e interminabile. In: OSF, 11: Riorganizzazione psichica. Torino: Boringhieri.
  5. Genovese C. (a cura di) (1988). Setting e processo psicoanalitico. Milano: Cortina.
  6. Gill M.M. (1982). Teoria e tecnica dell’analisi del transfert. Roma: Astrolabio 1985.
  7. Gino M. (2014). La psicoterapia psicoanalitica e l’esperienza della cura. Psicoterapia Psicoanalitica, 2: 11-25.
  8. Kaës R. (2012). Il malessere. Roma: Borla, 2013.
  9. Joseph B. (1975). Il paziente difficile da raggiungere. In: Joseph B. (1989). Equilibrio e cambiamento psichico. Milano: Cortina, 1991.
  10. Joseph B. (1985). Il transfert: la situazione totale. In: Joseph B. (1989). Equilibrio e cambiamento psichico. Milano: Cortina, 1991.
  11. Laurora E. (2000). Il setting nomade. Assetto mentale dell’analista e processi di integrazione nella psicoterapia psicoanalitica del disturbo borderline. Psicoterapia Psicoanalitica, VII, 2: 74-94.
  12. Laurora E. (2008). Figure e trasformazioni delle aree traumatiche tra setting e relazione analitica. In: Cellentani O. (a cura di). Trauma e relazioni traumatiche. Milano: Franco Angeli.
  13. Laurora E. (2010). Creatività e processo psicoterapeutico. Psicoterapia Psicoanalitica, 1: 63-84.
  14. Laurora E. (2011). Il pieno e il vuoto nella clinica della dissociazione. In: Di Benedetto P. (a cura di). Quaderni degli Argonauti. Milano: CIS Editore.
  15. Lichtenberg J.D., Lachmann F.M., Fosshage J.L. (1992). Il Sé e i sistemi motivazionali. Roma: Astrolabio, 2000.
  16. Modell A.H. (1990). Per una teoria del trattamento analitico. Milano: Cortina, 1994.
  17. Nissim Mogliano L., Robutti A. (1992). L’esperienza condivisa. Milano: Cortina.
  18. Sasso G.P. (2012). La nascita della coscienza. Roma: Astrolabio.
  19. Stern D.N. (1985). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Bollati Boringhieri, 1987.
  20. Winnicott D. (1963). La paura del crollo. In: Esplorazioni psicoanalitiche. Milano: Cortina, 1995.

Enza Laurora, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 2/2016, pp. 26-48, DOI:10.3280/PSP2016-002002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche