Accogliere il tempo invece di combatterlo: il ruolo della consapevolezza

Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA
Autori/Curatori: Chiara Manfredi
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 73-82 Dimensione file: 657 KB
DOI: 10.3280/RSF2016-003006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il presente contributo si propone di approfondire il tema del tempo e dei periodi di vita che questo scandisce, inserendolo all’interno dell’attuale contesto sociale e culturale, con particolare riferimento ai tentativi, spesso fallaci, che possiamo mettere in atto per evitare l’ansia che la sensazione di avere di fianco una clessidra porta con sé. In particolare, viene approfondita una sorta di “sindrome del bianconiglio”, che porta le persone a sentirsi in dovere di ottimizzare ogni istante della propria vita, nel tentativo estremo di non rinunciare a nulla e di poter scegliere tutto. L’effetto collaterale principale di questo sforzo continuo è la sensazione di divorare tempo e esperienze senza assaporare nulla, correndo su una sorta di tapis roulant, con la stessa fatica che correre comporta ma senza essere capaci di spostarsi di un millimetro. Viene infine proposto un antidoto a questa sindrome, che trova le sue radici nella consapevolezza profonda di quello che si sta vivendo e del proprio percorso, intesa quindi sia a livello micro (come atto di presenza nelle proprie esperienze quotidiane) sia a livello macro (come presa di coscienza di quale percorso si ha intenzione di intraprendere nella propria vita), seguendo quindi le priorità fondamentali diverse per ognuno.

  1. [1] Pasolini PP. Empirismo Eretico. Milano: Garzanti; 1972.
  2. [2] Tabucchi A. Prefazione. In: Monroe M. Fragments: poesie, appunti, lettere. Milano: Feltrinelli; 2010.
  3. [3] Bauman Z. La società individualizzata. Bologna: Il Mulino; 2002.

Chiara Manfredi, Accogliere il tempo invece di combatterlo: il ruolo della consapevolezza in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 3/2016, pp 73-82, DOI: 10.3280/RSF2016-003006