L’educatore e il minore autore di reato nell’ottica della prevenzione

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’
Autori/Curatori: Maria Garro, Enza Sidoti
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 57-64 Dimensione file: 210 KB
DOI: 10.3280/PSC2016-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli anni recenti il processo penale nell’ambito della giustizia minorile italiana e dei relativi provvedimenti verso il minore sono andati incontro a profonda revisione. Le norme prevedono una serie di misure alternative per legare il periodo di punizione al reinserimento all’esterno una volta scontata la pena. L’azione giudiziaria è volta alla tutela dei bisogni fondamentali del minore e al potenziamento del suo processo educativo. L’intervento penale è volto al recupero del processo evolutivo del minore e tutta la fase processuale esorta a realizzare un cambiamento attraverso progetti di recupero. In questo contesto è ritenuta fondamentale la figura dell’educatore che con le sue specifiche competenze deve accompagnare il minore nei percorsi di reinserimento.

  1. Baldini F., Barin G., Bricolo R., Fraizzoli P., Gamba F., Marani G., Pasetto A., Perego G., Turri F., Zardini D.M. (2014). La terapia cognitivo-comportamentale nella prevenzione della recidiva degli autori di reato. Un progetto pilota multidisciplinare. Cognitivismo Clinico, 11(2): 227-245.
  2. Brex G., Fiorentino Busnelli E., a cura di (1994). Adolescenti a rischio tra prevenzione e recupero. Un impegno per tutti. Milano: FrancoAngeli.
  3. Cavallo M. (2002). Ragazzi senza. Disagio, devianza e delinquenza. Milano: Mondadori.
  4. Graña Gomez J.L., Robriguez Biezma M.J. (2010). Programa central de Tratamiento educativo y terapéutico para menores infractores. Agencia de la Comnidad de Madrid para la educación y reinsercion del menor infractor.
  5. Marlatt G.A., Gordon J.R. (1985). Relapse prevention: maintenance strategies in addictive behavior change. NY: Guilford.
  6. Padovani A., Mattina G., a cura di (2006). Ne vale la pena? Contributi esperienze ed interventi sperimentali rivolti agli adolescenti inseriti nel circuito penale in Sicilia. Caltanissetta: Paruzzo.
  7. Patrizi P., Cuzzocrea V. (2012). Una giustizia per i minorenni: risorse normative e modelli d’intervento. In: Patrizi P., a cura di, Manuale di psicologia giuridica minorile. Roma: Carocci, pp. 253-266.
  8. Rossi L. (2004). Adolescenti criminali. Dalla valutazione alla cura. Roma: Carocci.

Maria Garro, Enza Sidoti, L’educatore e il minore autore di reato nell’ottica della prevenzione in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 2/2016, pp 57-64, DOI: 10.3280/PSC2016-002006