L’Unione israelitica ortodossa di Fiume e l’ebraismo italiano

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Gabriele Rigano
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 39 P. 53-91 Dimensione file: 320 KB
DOI: 10.3280/MON2016-003002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio ricostruisce la vicenda del gruppo ebraico ortodosso di Fiume, l’unico in Italia ad essersi dato una struttura istituzionale. Gli ortodossi di Fiume tendeva-no a non riconoscere le istituzioni ebraiche comunitarie della città perché conside-rate riformate, anche se queste seguivano semplicemente il rito italiano. L’autore si sofferma sulle reazioni dell’ebraismo italiano alle pretese autonomistiche del grup-po ortodosso, mettendo in luce le diverse concezioni della vita ebraica sottese alle posizioni espresse dai due gruppi, che si confrontarono aspramente per tutta la prima metà del Novecento sull’opzione unitaria o autonomista. Il principio unita-rio rappresenta una costante nell’ebraismo italiano, alieno da una definita diversi-ficazione confessionale: ortodossia e riforma non hanno mai trovato posto "nella via italiana all’ebraismo". L’articolo, inoltre, mette in evidenza come l’esperienza degli ortodossi fiumani non possa essere compresa pienamente se ci si limita al confronto tra concezioni religiose diverse. Un elemento fondamentale, in effetti, è rappresentato da quelle che sono state definite relazioni etno-comunitarie, dove la dimensione religiosa è un fattore tra altri (etnico-nazionali, culturali, familiari) nell’identificare il gruppo minoritario.

Gabriele Rigano, L’Unione israelitica ortodossa di Fiume e l’ebraismo italiano in "MONDO CONTEMPORANEO" 3/2016, pp 53-91, DOI: 10.3280/MON2016-003002