Clicca qui per scaricare

Le neuroscienze in azienda: casi applicativi
Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA  
Autori/Curatori: Maria Emanuela Salati, Attilio Leoni 
Anno di pubblicazione:  2017 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  12 P. 325-336 Dimensione file:  291 KB
DOI:  10.3280/RIP2017-003004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Grazie alle neuroscienze organizzative, è possibile comprendere molti processi cruciali nelle organizzazioni come la pianificazione e la gestione del change management, la formazione, il decision making e la leadership. Il cambiamento, ad esempio, se mal gestito può generare nel nostro cervello un messaggio di allarme. I manager devono essere consapevoli di come le loro parole, le emozioni e i comportamenti influiscono pesantemente sul clima e sui risultati dei team. Un altro settore di ricerca in rapida crescita, grazie agli investimenti aziendali, è il neuromarketing. Nell’articolo si espone un caso di successo: un’azienda che - di fronte alla necessità di cambiare la selling proposition - analizza le possibili resi-stenze da parte della forza vendita tramite tecniche di neurometrica e quindi in-terviene di conseguenza. Anche la formazione aziendale può migliorare significativamente la propria efficacia grazie alle neuroscienze. Nell’articolo si presentano alcune sperimentazioni condotte dal dipartimento di formazione di una grande azienda di trasporto pubblico.


Keywords: Neuroscienze organizzative, change management, formazione, leadership.

  1. Babiloni, F., Meroni, V., & Soranzo, R. (2007). Neuroeconomia, neuromarketing e processi decisionali. Milano: Springer Verlag., DOI: 10.1007/978-88-470-0716-1
  2. Balconi, M., Venturella, I., Pala, F., Salati, M.E., Ripamonti, S.C., Natili, F., & Vanutelli, M.E. (2016). Cervelli in dialogo. Leadership e neuroscienze. La neurometrica applicata alla valutazione delle prestazioni. Direzione Del Per-sonale, 4(179), 14-17.
  3. Bara, B. (2015). Cuore, mente e corpo: i tre ingredienti del cambiamento. In M.E. Salati & A. Leoni (Eds.), Neuroscienze e Management. Nuovi strumenti per la professione manageriale (pp.83-88). Milano: Guerini Next.
  4. Beer, M., Finnstrom, M., & Schrader, D. (2016). Why leadership Training Fails –and What to do Do About It. Harvard Business Review, 94(10), 50-57.
  5. Boyatzis, D., & McLee, A. (2006). La leadership risonante. Intelligenza emotiva in azione. Milano: Rizzoli.
  6. Castagna, M. (2007). La lezione nella formazione degli adulti. Milano: FrancoAngeli.
  7. Cepollaro, G., & Varchetta, G. (2014). La formazione tra realtà e possibilità. I territori della betweenness. Milano: Guerini Next.
  8. Damasio, A. (2012). Il sé viene alla mente. La costruzione del cervello cosciente. Milano: Adelphi.
  9. Gallucci, F. (2011). Marketing emozionale e neuroscienze. Milano: Egea.
  10. Goleman, D., & Boyatzis, R. (2008). Social Intelligence and the Biology of Leadership. Harvard Business Review, 86(9), 74-81.
  11. Kahneman, D. (2012). Pensieri lenti e veloci. Milano: Mondadori.
  12. Lieberman, M.D. (2013). Social. Why Our Brains Are Wired to Connect. New York: Crown Publishers.
  13. Riva, P., & Eck, J. (2016). Social Exclusion. Psychological Approaches to Understanding and Reducing Its Impact. Cham: Springer International Publishing., DOI: 10.1007/978-3-319-33033-4
  14. Rivoltella, P.C. (2012). Neurodidattica. Insegnare al cervello che apprende. Milano: Raffaello Cortina.
  15. Rivoltella, P.C. (2014). La previsione. Neuroscienze, apprendimento, didattica. Brescia: La Scuola.
  16. Rizzolatti, G., Fadiga, L., Gallese, V., & Fogassi, L. (1996). Premotor cortex and the recognition of motor actions. Cognitive Brain Research, 3(2), 131-141., DOI: 10.1016/0926-6410(95)00038-0
  17. Rizzolatti, G., & Gnoli, A. (2016). In te mi specchio. Per una scienza dell’empatia. Milano: Rizzoli.
  18. Rock, D. (2008). SCARF: A brain-based model for collaborating with and influencing others. NeuroLeadership Journal, 1(1), 1-9.
  19. Scarlett, H. (2016). Neuroscience for Organizational Change. An Evidence-based Practical Guide to Managing Change. London: Kogan Page.
  20. Sinek, S. (2014). Ultimo viene il leader. Perché alcuni team sono coesi e altri no. Milano: FrancoAngeli.

Maria Emanuela Salati, Attilio Leoni, in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 3/2017, pp. 325-336, DOI:10.3280/RIP2017-003004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche