MiFIR, EMIR e strumenti derivati: un esempio di Diritto Privato Regolatorio Europeo

Titolo Rivista: ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO
Autori/Curatori: Antonio Marcacci
Anno di pubblicazione: 2017 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 0 P. Dimensione file: 0 KB
DOI: 10.3280/edt3-2017oa6270
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo affronta il fenomeno dei contratti derivati nel contesto del Diritto Privato Regolatorio Europeo (Dpre). Dopo aver definito cosa si intende per DPRE, viene esaminata la definizione di strumento finanziario derivato nel diritto europeo, per poi passare all’analisi della legislazione europea post-crisi. Prendendo in considerazione i testi normativi europei che affrontano direttamente la materia dei contratti derivati, l’articolo vuole dimostrare come l’interesse del Legislatore europeo sia volto soprattutto all’adozione di standard uniformanti e al favorire l’accesso ai mercati (aspetto regolatorio del diritto privato), piuttosto che ad una disciplina armonizzata del contratto - incluso quello derivato - a livello continentale (diritto privato in senso stretto). Nonostante l’estrema tecnicità economico-finanziaria dell’argomento ne renda difficile un inquadramento in termini giuridici, il rapporto tra gli strumenti finanziari derivati e il diritto europeo pare essere un chiaro esempio di Diritto Privato Regolatorio Europeo.

Antonio Marcacci, MiFIR, EMIR e strumenti derivati: un esempio di Diritto Privato Regolatorio Europeo in "ECONOMIA E DIRITTO DEL TERZIARIO" 3/2017, pp , DOI: 10.3280/edt3-2017oa6270