L’associazionismo cattolico e il collateralismo

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Tiziano Torresi
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 2-3 Lingua: English
Numero pagine: 10 P. 219-228 Dimensione file: 226 KB
DOI: 10.3280/MON2018-002018
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio offre una rassegna degli studi sul legame tra l’associazionismo cattolico, la gerarchia ecclesiastica e la Democrazia cristiana noto come collateralismo. A parti-re dagli anni Settanta, le analisi sull’argomento si sono situate al punto di intersezione tra la storiografia del mondo cattolico e quella del partito democristiano, tra la vita della Chiesa e la storia politica e civile dell’Italia repubblicana. Da questa duplice prospettiva gli studiosi hanno cercato di capire, con sguardi simultanei, la questione cattolica e la questione democristiana nella loro complessa evoluzione, come esse abbiano alimentato il dibattito politico e, insieme, la maturazione della coscienza del laicato. Il collateralismo è stato motivo di riflessione della comunità ecclesiale, bersa-glio di polemiche, oggetto di una vasta pubblicistica: suscitate e condizionate da ciò le interpretazioni hanno segnato un itinerario ermeneutico che attraversa la storiografia del cattolicesimo politico, che l’autore aiuta a ripercorrere.

Tiziano Torresi, L’associazionismo cattolico e il collateralismo in "MONDO CONTEMPORANEO" 2-3/2018, pp 219-228, DOI: 10.3280/MON2018-002018