Clicca qui per scaricare

Reti sanitarie: distinte finalità e assetti. Reti di patologia e reti di presa in carico in Lombardia
Titolo Rivista: MECOSAN 
Autori/Curatori: Luigi Cajazzo, Francesco Longo 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 107 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 99-120 Dimensione file:  283 KB
DOI:  10.3280/MESA2018-107006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


I sistemi regionali si sono recentemente spostati da logiche competitive a logiche collaborative. Questo ha stimolato a livello di sistema la ricerca di logiche e strumenti di coordinamento interaziendale, tra cui le reti inter-aziendali. Esse sono nate spesso come black box, con finalismi ampi e universali. Il paper propone un framework di classificazione dei diversi finalismi possibili e delle distinte caratteristiche organizzative conseguenti. Il framework è usato per rileggere l’evoluzione delle reti in Lombardia. Emerge una matrice basata su due distinte logiche: reti di patologia con l’obiettivo di sviluppare ricerca, knowledge management per materia e disciplina medica e definizione del livello di specializzazione e del focus di processo assistenziale di ogni nodo; reti di gestione della cronicità per supportare la fruizione e il case management dei pazienti. Esistono quindi reti distinte, con finalità specifiche, logiche organizzative caratteristiche e strumenti operativi ad hoc.


Keywords: Reti inter-aziendali, reti professionali, strategie di rete, strumenti operativi di rete.

  1. Lega F. (2016). Management e leadership dell’azienda sanitaria. Conoscere il settore e il sistema, organizzare i servizi, dirigere i professionisti. Milano: Egea.
  2. Airoldi G. (1980). I sistemi operativi. Milano: Giuffrè. Barzan E., Longo F., Petracca F., Tozzi V.D. (2017). La presa in carico dei pazienti cronici in Lombardia: quale governance e quali indeterminatezze nel modello. Mecosan, 103: 31-48.
  3. Berwick D.M., Nolan T.W., Whittington J. (2008). The triple aim: care, health, and cost. Health affairs, 27(3): 759-769.
  4. Borgonovi E., Adinolfi P. (Eds.) (2017). The Myths of Health Care. Towards New Models of Leadership and Management in the Healthcare Sector. Springer.
  5. Cantarelli P., Lega F., Longo F. (2017). La regione capogruppo sanitaria: assetti istituzionali e modelli organizzativi emergenti. In: CERGASSDA
  6. Bocconi (a cura di) (2017). Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema sanitario Italiano. Rapporto OASI 2017. Milano: Egea.
  7. Del Vecchio M. (2008). Deintegrazione istituzionale e integrazione funzionale nelle aziende sanitarie pubbliche. Milano: Egea.
  8. Hedström P., Swedberg R., Hernes G. (Eds.) (1998). Social mechanisms: An analytical approach to social theory. Cambridge: Cambridge University Press.
  9. Lega F. (2003). Gruppi e reti aziendali in sanità: strategia e gestione. Milano: Egea.
  10. Lega F. (2007). Organisational design for health integrated delivery systems: theory and practice. Health policy, 81(2-3): 258-279.
  11. Longo F. (2016). Lessons from the Italian NHS retrenchment policy. Health Policy, 120(3): 306-15.
  12. Longo F., Salvatore D., Tasselli S., Petracca F. (2017). Organizational correlates of continuity of care: A pendulum swing between differentiation and integration. International Journal of Care Coordination, 20(3): 76-86.
  13. Muka T., Imo D., Jaspers L., Colpani V., Chaker L., van der Lee S.J., Pazoki R. (2015). The global impact of non-communicable diseases on healthcare spending and national income: a systematic review. European Journal of Epidemiology, 30(4): 251-277.
  14. Rijken M., Struckmann V., Dyakova M., Melchiorre M.G., Rissanen S., Ginneken E.V. (2013). ICARE4EU: Improving care for people with multiple chronic conditions in Europe. Eurohealth incorporating Euro Observer, 19(3): 29-31.

Luigi Cajazzo, Francesco Longo, in "MECOSAN" 107/2018, pp. 99-120, DOI:10.3280/MESA2018-107006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche