I "danni" della Grande guerra: impulsi economici e pratiche clientelari nel Basso Garda

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Mauro Pellegrini
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 162 Lingua: Italiano
Numero pagine: 32 P. 81-112 Dimensione file: 543 KB
DOI: 10.3280/SU2019-162005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Tra il 1915 ed il 1919 in Italia, la presenza dell’esercito nella Zona di Guerra modificò l’aspetto fisico del territorio con l’istituzione delle servitù militari e delle occupazioni che imposero severe limitazioni ai civili. L’"invasione" del limitato orizzonte delle comunità rurali produsse in borghesi e paesani uno spiccato spirito adattivo: essi non si limitarono a subire, ma considerarono i militari a tutti gli effetti una risorsa da sfruttare, portatrice di un vantaggio maggiore del disagio arrecato. I sindaci richiesero perciò incessantemente ai deputati circoscrizionali accantonamenti di guarnigioni nei loro paesi, affinché l’economia potesse trarne beneficio. Si rafforzò la mediazione politico- clientelare, che avvantaggiò chi seppe inserirsi nel contesto economico della mobilitazione, ed escluse di fatto la maggioranza dei ceti subalterni agricoli da ricadute positive. Il saggio analizza le modificazioni fisiche verificatesi in borgate e campagne del Basso Garda, caratterizzato da forte espansione industriale entro un’economia agraria ancora prevalente, generate dalle strategie di sindaci, notabili e semplici cittadini attraverso il ricorso al "sistema" di mediazione politico-clientelare per profittare delle "opportunità" offerte dallo stato di guerra.

Mauro Pellegrini, I "danni" della Grande guerra: impulsi economici e pratiche clientelari nel Basso Garda in "STORIA URBANA " 162/2019, pp 81-112, DOI: 10.3280/SU2019-162005