Clicca qui per scaricare

Archeologia e architettura industriale: una relazione lunga quasi cinquant’anni
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori:  Ferdinando Zanzottera 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 89 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 44-53 Dimensione file:  590 KB
DOI:  10.3280/TR2019-089005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le tappe salienti dell’evoluzione storiografica dell’Archeologia industriale mostrano le peculiarità e il valore del contributo italiano nell’ambito delle più vaste ricerche europee e internazionali, legate al restauro, al recupero e alla definizione di valore delle architetture della produzione. L’approfondimento sul ruolo che in questo ambito hanno svolto Regione Lombardia, alcuni enti locali e il Politecnico di Milano offre una lettura storico-critica del tema, che ha portato a un significativo mutamento culturale della coscienza conservativa, a coinvolgere fotografi di fama internazionale e a collegarsi a concetti tipologico-configurativi della progettazione. Nell’attualità si evidenziano importanti interrelazioni tra l’Archeologia industriale e la fragilità dei contesti ecologico-ambientali.


Keywords: Archeologia industriale; valorizzazione dei beni culturali; architettura dei luoghi di produzione

  1. Aa.Vv.,1981, Archeologia industriale in Lombardia. Dall’Adda al Garda. Milano: Mediocredito Regionale Lombardo.
  2. Aa.Vv., 1989, Esplorazioni di fabbriche, percorsi nell’archeologia industriale di Biella. Biella: Comune di Biella.
  3. Azzoni G., 2014, a cura di, Nella Modernita, architetture del Novecento in Valle Camonica. San Zeno Naviglio: Grafo Edizioni.
  4. Battisti E., 1983, «Un patrimonio da salvare». Mondo Operaio, 3: 73-77.
  5. Bianchi G., Ferrarin R., Introini V., 2002, Viabilita e monumento. Gavirate: Nicolini Editore. Cannada Bartoli N., Della Torre S., 2013, «Verso la conservazione programmata». Rivista dell’Istituto per la storia dell’arte lombarda, 9: 7-18.
  6. Cattaneo B., 1990, a cura di, Paesaggi della memoria industriale. Percorso e censimento di archeologia industriale della valle del Gerenzone. Lecco: Musei Civici di Lecco.
  7. Cattaneo B., Daccò G.L., 1992, La seta. Archeologia industriale nel territorio lariano. Como: Studio Editoriale Menabò.
  8. Crippa M.A., Zanzottera F., 2017, a cura di, Fotografia per l’architettura del XX secolo in Italia. Costruzione della storia, progetto, cantiere. Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.
  9. Galli A., 1984, «Premessa». In: A. Garlandini, M. Negri (a cura di), I monumenti storico-industriali della Lombardia. Censimento regionale. Milano: Regione Lombardia. Settore Cultura e Informazione.
  10. Garlandini A., Micheletti B., Poggio P.P., 1991, a cura di, Il patrimonio storico-industriale della Lombardia. Censimento regionale. Brescia: Fondazione Luigi Micheletti.
  11. Garlandini A., Negri M., 1984, a cura di, I monumenti storico-industriali della Lombardia, cit.
  12. Mioni A., Negri A., Negri M., Selvafolta O., 1982, a cura di, Archeologia industriale in Lombardia. Milano e la bassa padana. Milano: Mediocredito Lombardo.
  13. Mioni A., Negri A., Negri M., Selvafolta O., 1983, a cura di, Archeologia industriale in Lombardia. Il territorio nord-occidentale. Milano: Mediocredito Lombardo.
  14. Moioli R., 2013, «Lo sportello per la conservazione preventiva e programmata: processi e progetti per l’attuazione». Rivista dell’Istituto per la storia dell’arte lombarda, 9: 29-44.
  15. Petrosino S., 1997, Lo stupore. Novara: Interlinea.
  16. Robecchi F., 1978, a cura di, Le fornaci di Ponte Crotte. Esperienze e proposte didattiche per una ricerca di Archeologia industriale. Brescia: Grafo Edizioni.
  17. Robecchi F., Simoni C., 1980, a cura di, Il vecchio macello di Brescia. Archeologia industriale e questione alimentare nel secondo Ottocento. Brescia: Grafo Edizioni.
  18. S.a., 1978, «Archeologia industriale: le proposte di ‘Italia Nostra’ per l’ex cotonificio Olcese di Lavagna». Italia Nostra, 159-160: 5-6.

Ferdinando Zanzottera, in "TERRITORIO" 89/2019, pp. 44-53, DOI:10.3280/TR2019-089005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche