Clicca qui per scaricare

Genitori omosessuali con figli da precedenti relazioni eterosessuali: il ruolo dell’omofobia interiorizzata
Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA 
Autori/Curatori: Giulia Fioravanti, Vanessa Banchi, Daniel Giunti 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 41-61 Dimensione file:  253 KB
DOI:  10.3280/RSC2019-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Obiettivo del presente lavoro è esplorare il legame tra omofobia interiorizzata, consapevolezza del proprio orientamento sessuale, educazione religiosa e coming out in un campione di genitori omosessuali che hanno avuto figli all’interno di una relazione eterosessuale. Metodo: 32 madri lesbiche e 26 padri gay (età media 45.62±8.88 anni) hanno partecipato allo studio. Risultati: Il 46.6% del campione ha riferito di essere stato consapevole del proprio orientamento sessuale al mo-mento della relazione eterosessuale. L’orientamento sessuale maggiormente riferi-to nella dimensione del passato è stato "bisessuale" mentre nel presente e nell’ideale "omosessuale". Il campione riporta livelli più elevati di omofobia al momento della relazione eterosessuale rispetto al momento attuale (M±DS=2.47±1.03 e M±DS=1.53±.69). Tale differenza risulta statisticamente si-gnificativa sia nel campione totale (t (57)=7.42; p < .001), sia nei maschi e nelle femmine (t (25)=5.71, p < .001 e t (31)=4.85, p < .001). L’omofobia interiorizzata risulta associata al coming out con i figli, mentre non correla né con la consapevo-lezza né con l’educazione religiosa ricevuta. Discussione: I risultati forniscono un primo contributo allo studio di una popolazione ancor poco indagata dalla comu-nità scientifica.


Keywords: Omosessualità, padri gay, madri lesbiche, orientamento sessuale, coming out, omofobia interiorizzata.

Giulia Fioravanti, Vanessa Banchi, Daniel Giunti, in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 2/2019, pp. 41-61, DOI:10.3280/RSC2019-002003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche