Clicca qui per scaricare

Il brainstorming valutativo. Dalla teoria alla pratica di ricerca in contesti caratterizzati da resistenze all’innovazione
Titolo Rivista: RIV Rassegna Italiana di Valutazione 
Autori/Curatori: Giuliana Parente, Rossana Labalestra 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 71-72 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 276-292 Dimensione file:  413 KB
DOI:  10.3280/RIV2018-071014
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo indaga le opportunità offerte dal brainstorming valutativo per approfondire il concetto di qualità e innovazione nel contesto scolastico, a partire dal progetto di ricerca "Verso la scuola digitale" del dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale della Sapienza Università di Roma. Dopo una prima teorizzazione dei concetti di qualità e innovazione sviluppata nel primo paragrafo, si passa ad affrontare le motivazioni sottese alla scelta di utilizzare la tecnica del brainstorming valutativo per giungere ad una esplorazione del campo semantico e ad una definizione condivisa di indicatori relativi ad una didattica digitale innovativa e di qualità. L’articolo si conclude con una riflessione sull’utilizzo del brainstorming valutativo inteso sia quale tecnica partecipativa in grado di attivare processi autoriflessivi sulle pratiche didattiche, sia come catalizzatore di una nuova cultura della valutazione che metta al centro l’apprendimento continuo di insegnanti ed alunni.


Keywords: Brainstorming Valutativo; Qualità Scolastica; Innovazione; Digitale; Auto-Riflessività.

  1. Argyris C., Schon D. (1978). Organizational Learning: A theory of action perspective. Addison Wesley, reading MA.
  2. Barrilà D. (2018). I superconnessi. Come la tecnologia influenza le menti dei nostri ragazzi e il nostro rapporto con loro. Roma: Feltrinelli.
  3. Bertin G. (2007), Governance e valutazione della qualità nei servizi socio-sanitari. Milano: FrancoAngeli.
  4. Bezzi C. (2003). “Dalla comprensione dell’evaluando alla costruzione degli indicatori”. Rassegna Italiana di Valutazione, n. 27.
  5. Bocconi S., Kampylis P., Punie Y. (2012). “Innovating Teaching and Learning Practices: Key elements for developing Creative Classrooms in Europe”, eLearning papers, 30, 1-13.
  6. Bourdieu P., Passeron J.C. (1970). La reproduction. Éléments pour une théorie du système d'enseignement. Paris: Editions de Minuit.
  7. Bruni, A., Pinch, P., Schubert, C. (2013). “Technologically Dense Environments: What For? What Next?”. Tecnoscienza, 4 (2), 51-72.
  8. Buckingham D. (2003). Media Education: Literacy, Learning And Contemporary Culture, Cambridge: Polity Press. Buckingham D., (2007). Beyond Technology: Children's Learning in The Age of Digital Media, Polity Press, Cambridge.
  9. Coleman J.S. et al. (1966). Equality of Educational Opportunity, National Center for Educational Statistics, Washington. -- http://files.eric.ed.gov/fulltext/ED012275.pdf
  10. Cornacchia M. (2009). La scuola si organizza, Roma: Aracne Editrice.
  11. De Ambrogio U. (2003). “Perchè si valutano servizi e politiche sociali?”, in De Ambrogio
  12. U., a cura di (2003). Valutare gli interventi e le politiche sociali. Roma: Carocci.
  13. Eco U. (2003). Dire quasi la stessa cosa. Esperienze di traduzione. Milano: Bompiani.
  14. Fenwick T., Landri P. (2012). “Materialities, Textures and Pedagogies: Socio-Material Assemblages in Education”. Pedagogy, Culture & Society, 20 (1), 1-7.
  15. Freddano M., Pastore S. (2018). Per una valutazione oltre l’adempimento. Riflessioni e pratiche sui processi valutativi. Milano: FrancoAngeli.
  16. Gherardi S. (2009). “Knowing and Learning in Practice-based Studies: An Introduction”. The Learning Organization, 16 (5), 352-59.
  17. Kaiser D. (2005). Pedagogy and the Practice of Science: Historical and Contemporary Perspectives. Cambridge, MA: The MIT Press.
  18. Kennedy M., Billett S., Gherardi S., Grealish, L. (2015). Practice-based Learning in Higher Education. Jostling Cultures. Dordrecht: Springer.
  19. Kirkhart J. (2000). “Reconceptualizing evaluation use: an integrated theory ofinfluence”, in Caracelli V. e Preskill H. (a cura di) (2000), The espanding scope of evaluation use. San Francisco: NDE, Jossey Bass.
  20. Law, N., Yuen, A., & Fox, R. (2011). Educational innovations beyond technology – Nurturing leadership and establishing learning organizations. New York: Springer.
  21. Lipari D. (1995). Progettazione e valutazione nei processi formativi. Roma: Edizioni Lavoro.
  22. Luhmann N., Shorr K.E. (1988). Il sistema educativo. Problemi di riflessività. Roma: Armando.
  23. Martini A. (2008). “L’accountability nella scuola”. Working paper Fondazione Giovanni Agnelli, 8,12.
  24. Marradi A. (1996). “Metodo come arte”. Quaderni di sociologia, XL, n.10.
  25. McGregor J. (2004). “Spatiality and Place of the Material in Schools”. Pedagogy, Culture & Society, 12 (3), 347-72.
  26. Mori S., Storai F. (2016). “Innovazione e miglioramento. Promozione dei processi e valutazione del cambiamento”. Scuola Democratica, 2, pp. 537-552.
  27. OECD (2019). Measuring Innovation in Education 2019: What Has Changed in the Classroom. Paris: OECD.
  28. Ogburn W. F. (1922). Social change with respect to culture and original nature. New York: B.W. Huebsch.
  29. Orlikowski, W.J. (2010). “The Sociomateriality of Organizational Life: Considering Technology in Management Research”. Cambridge Journal of Economics, 34 (1),125-41.
  30. Palumbo M., Congiu D. (2009). “Partecipazione e valutazione per il piano regolatore sociale”, in Palumbo M., Torrigiani C., a cura di (2009). La partecipazione tra ricerca e valutazione. Milano: FrancoAngeli, pp 37-72.
  31. Pastore S. (2008). “Riflessività, apprendimento e valutazione”. Rassegna Italiana di Valutazione, a. XII, 41, pp. 57-68.
  32. Patton M. Q. (2011). Devepmental Evaluation. New York: the Guilford Press.
  33. Preskill H., Catsambas T. (2006). Refreming evaluation through appreciative inquiry. Thousand Oaks: Sage.
  34. Rist R.C. (1994). “The preconditions for learning:lessons from the public sector?” in Leeuw
  35. F.L., Rist R.C., SOnnichsen R.C. (1994). Can governments learn? Comparative per- spectives on evaluation and organizational learning. New Brunswick (USA) and London (UK): Transaction Publishers.
  36. Romei P. (1986). La scuola come organizzazione. Testo e casi. Milano: FrancoAngeli.
  37. Sergiovanni T.J. (2000). Costruire comunità nella scuola. Roma: LAS.
  38. Schatzki T.R., Knorr Cetina K., Von Savigny E. (2001). The Practice Turn in Contemporary Theory. London: Routledge.
  39. Scheerens J., van Ravens J., Luyte H. (2001). “Un'applicazione di indicatori, basata sulla ricerca, per misurare la qualità dell’istruzione”. ECPS Journal, 3.
  40. Scriven M. (1967), The methodology of evaluation. Chicago: Rand Mc Nally.
  41. Sørensen E. (2009). The Materiality of Learning: Technology and Knowledge in Educational Practice. Cambridge-New York: Cambridge University Press.
  42. Tomei G., (2004). Valutazione partecipata della qualità. Milano:FrancoAngeli.
  43. Torrigiani C., (2010). Valutare per apprendere. Capitale sociale e teoria del programma. Milano: FrancoAngeli.
  44. Zevenberg R., Lerman S. (2008). “Learning enviroments using interactive whiteborards: New learning spaces or reproduction of old technologies!. Mathematic education research journal, 20, 1, pp. 108-126.

Giuliana Parente, Rossana Labalestra, in "RIV Rassegna Italiana di Valutazione" 71-72/2018, pp. 276-292, DOI:10.3280/RIV2018-071014

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche