Il gruppo clinico formativo nell’esperienza della sede milanese dell’AIPA: Jung e Balint una coniunctio possibile
Journal Title: STUDI JUNGHIANI 
Author/s: Gabriella Caccamo , Fabrizia Termini 
Year:  2019 Issue: 50 Language: Italian 
Pages:  12 Pg. 83-94 FullText PDF:  0 KB
DOI:  10.3280/jun2-2019oa8881
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 

 
Open Access article
Click here to read the article.



Il lavoro parla dei Gruppi Balint (con cenni sulla teorizzazione psicoanalitica di Balint), metodo di formazione utilizzato dalla sezione milanese dell’AIPA per la formazione in gruppo degli allievi in training. Si accenna al pensiero di Bion relativo alle dinamiche nei piccoli gruppi e alla teoria degli assunti di base, che ogni conduttore di gruppo deve avere ben presente. Si stabilisce infine un punto di incontro tra l’attenzione di Balint agli aspetti relazionali del rapporto terapeuta/pa­zien­te e il pensiero di Jung incentrato sulla metafora alchemica per rappresentare il processo che coinvolge insieme analista e paziente.

Gabriella Caccamo , Fabrizia Termini, in "STUDI JUNGHIANI" 50/2019, pp. 83-94, DOI:10.3280/jun2-2019oa8881

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content