Clicca qui per scaricare

Gli ordinamenti spaziali dell’epoca digitale: oltre il dualismo
Titolo Rivista: CRIOS 
Autori/Curatori: Luca Gaeta 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: 18 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 37-45 Dimensione file:  155 KB
DOI:  10.3280/CRIOS2019-018004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo pone in questione l’utilità del dualismo tra spazio fisico e virtuale per la pianificazione spaziale. Facendo riferimento al concetto relazionale di spazio, si indaga se e come lo spazio cambi per effetto dei mezzi di comunicazione digitale che fanno parte integrante della nostra vita sociale, del funzionamento degli oggetti e della circolazione globale di informazioni e segni. L’indagine prende spunto dall’opera di Joshua Meyrowitz dedicata all’impatto dei media elettronici sul comportamento sociale. Dal suo concetto di fusione dei pubblici è ricavato il concetto complementare di fusione degli spazi, cioè una interpretazione dello spazio che abolisce il dualismo tra fisico e virtuale nella direzione di uno spazio ambivalente, le cui conseguenze sono rilevanti per la pianificazione spaziale dell’epoca digitale.


Keywords: Fusione degli spazi, media digitali, spazio relazionale

  1. Appadurai A. (1990). Disjuncture and Difference in the Global Cultural Economy. In Theory, Culture & Society 7(2-3): 295-310., DOI: 10.1177/026327690007002017
  2. Aurigi A., De Cindio F. (2008). Augmented Urban Spaces: Articulating the Physical and Electronic City. Aldershot: Ashgate.
  3. Aurigi A., Willis K.S. (2018). Digital and smart cities. London and New York: Routledge.
  4. Castells M. (1996). The Rise of the Network Society. Oxford: Blackwell (trad. it.: La nascita della società in rete. Milano: Università Bocconi Editore, 2002).
  5. Castells M. (2004). Space of Flows, Space of Places: Materials for a Theory of Urbanism in the Information Age. In S. Graham (ed.). The Cybercities Reader. London: Routledge.
  6. Ferraris M. (2005). Dove sei? Ontologia del telefonino. Milano: Bompiani.
  7. Ferraris M. (2015). Mobilitazione totale. Roma-Bari: Laterza.
  8. Gaeta L. (2018). La città è il messaggio. Pianta ortogonale, democrazia e media. In Crios 15: 13-24., DOI: 10.3280/CRIOS2018-015002
  9. Gibson W. (1984). Neuromancer. London: Gollancz.
  10. Goffman E. (1959). The Presentation of Self in Everyday Life. New York: The Overlook Press.
  11. Graham S., Marvin S. (1996). Telecommunications and the City: Electronic Spaces, Urban Places. London and New York: Routledge.
  12. Harvey D. (1989). The Condition of Postmodernity: An Inquiry into the Origins of Cultural Change. Oxford: Blackwell.
  13. Jurgenson N. (2011). Digital Dualism versus Augmented Reality. -- Testo disponibile al sito: https://thesocietypages.org/cyborgology/2011/02/24/digital-dualism-versus-augmented-reality.
  14. Lefebvre H. (1974). La production de l’espace. Paris: Anthropos.
  15. Lévy P. (1997). Il virtuale. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  16. Massey D. (2005). For Space. London: Sage.
  17. McLuhan M. (1951). The Mechanical Bride: Folklore of Industrial Man. Vanguard Press: New York.
  18. McLuhan M. (1964). Understanding Media. The Extensions of Man. New York: New American Library (trad. it.: Capire i media. Gli strumenti del comunicare. Milano: Il Saggiatore, 2011).
  19. Merlini F. (2015). Ubicumque. Saggio sul tempo e lo spazio della mobilitazione. Macerata: Quodlibet.
  20. Meyrowitz J. (1985). No Sense of Place: The Impact of Electronic Media on Social Behavior. Oxford and New York: Oxford University Press (trad. it.: Oltre il senso di luogo. Come i media elettronici influenzano il comportamento sociale. Bologna: Baskerville, 1995).
  21. Moores S. (2004). The Doubling of Place: Electronic Media, Time-Space Arrangements and Social Relationships. In N. Couldry, A. McCarthy (eds.). MediaSpace: Place, Scale and Culture in a Media Age. London: Routledge.
  22. Ong W.J. (1986). Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola. il Mulino: Bologna.
  23. Perin C. (1977). Everything in Its Place: Social Order and Land Use in America. Princeton: Princeton University Press.
  24. Sassen S. (2006). Territory, Authority, Rights: From Medieval to Global Assemblages. Princeton: Princeton University Press (trad. it.: Territorio, autorità, diritti. Assemblaggi dal Medioevo all’età globale. Milano: Bruno Mondadori, 2008).
  25. Scannell P. (1996). Radio, Television and Modem Life: A Phenomenological Approach. Oxford: Blackwell.
  26. Souza e Silva A. de (2006). From Cyber to Hybrid: Mobile Technologies as Interfaces of Hybrid Spaces. In Space and Culture 9(3): 261-78., DOI: 10.1177/1206331206289022
  27. Thompson J.B. (1998). Mezzi di comunicazione e modernità. Una teoria sociale dei media. Bologna: il Mulino.
  28. Vailati E. (1997). Leibniz & Clarke. A Study of their correspondence. Oxford: Oxford University Press.
  29. Van Gennep A. (1909). Les rites de passage. Paris: Nourry.
  30. Winston B. (1998). Media Technology and Society. A History: From the Telegraph to the Internet. London: Routledge.

Luca Gaeta, in "CRIOS" 18/2019, pp. 37-45, DOI:10.3280/CRIOS2019-018004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche