Clicca qui per scaricare

Qualità della vita: benessere oggettivo, aspetti soggettivi e interstizi della quotidianità
Titolo Rivista: WELFARE E ERGONOMIA 
Autori/Curatori: Giampaolo Nuvolati 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 21-30 Dimensione file:  165 KB
DOI:  10.3280/WE2019-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo parte da una ricostruzione storica degli studi tradizionali sulla qualità della vita e il benessere sociale collettivo per poi prendere in considerazione una prospettiva alternativa di analisi dei comportamenti individuali di adattamento ai contesti e di personalizzazione del rapporto con i luoghi. In particolare, l’intento è quello di sottolineare come gli spazi urbani interstiziali possano costituire contesti originali e rilevanti di benessere in chiave mi-cro senza per questo pensare ad una deresponsabilizzazione della politica e delle istituzioni nella risposta ai bisogni individuali.


Keywords: Qualità della vita; interstizi urbani; flâneur; responsabilità politica.

  1. Allardt E. (1976). Dimensions of Welfare in a Comparative Scandinavian Study. Acta Sociologica, XIX(3): 227-239.
  2. Amin A. and Thrift N. (2002). Cities. Reimagining the Urban. Cambridge: Polity Press.
  3. Andrews F. and Szalai A., editors (1980). Quality of Life: Comparative Studies. London: Sage.
  4. Augé M. (2017). Momenti di felicità. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Baldwin S., Godfrey C. and Propper C., editors (1990). Quality of Life. Perspectives and Policies. London: Routledge.
  6. Björk S. and Vang J., editors (1989). Assessing Quality of Life. Linköping: Samhall Klintland.
  7. Bona B., Merighi D. e Ostello A. (1979). Un modello per la ripartizione di fondi alle zone di decentramento. Cittàclasse, V(18): 13-15.
  8. Bradburn N. and Caplovitz D. (1965). Reports on Happiness. Chicago: Aldine.
  9. Campbell A., Converse P. and Rodgers W. (1976). The Quality of Life: Perceptions, Evaluations and Satisfaction. New York: Russell Sage Foundation.
  10. Cantril H. (1965). The Patterns of Human Concerns. New Brunswick: Rutgers University Press.
  11. Colombo M. (1996). Indicatori sociali e metodi di studio della qualità della vita. In: Tacchi E.M., a cura di, La città da vivere. Teorie e indicatori di qualità. Milano: Vita e pensiero, pp. 29-61.
  12. de Certeau M. (2001). L’invenzione del quotidiano. Roma: Lavoro Editore.
  13. Gadotti G. (1986). Riflessioni sulla definizione e misurazione della qualità della vita. Sociologia urbana e rurale, 21: 129-146.
  14. Graziosi M. (1979). Problemi nella misurazione del benessere sociale: indicatori oggettivi e soggettivi. Quaderni di sociologia, XXVIII(1): 71-101.
  15. IReR - Istituto regionale di ricerca della Regione Lombardia, a cura di (2001). Indagine Sociale Lombarda. Quattro studi sulla vulnerabilità sociale. Milano: Guerini.
  16. IReR - Istituto regionale di ricerca della Regione Lombardia, a cura di (1997). Indagine sociale lombarda. Cambiamenti e condizioni di vita delle famiglie in Lombardia. Milano: Guerini.
  17. IReR - Istituto regionale di ricerca della Regione Lombardia, a cura di (1991). Social Survey in Lombardia. Contributi sulla formazione della domanda sociale. Milano: FrancoAngeli.
  18. Lefebvre H. (1968). Le droit à la ville. Paris: Anthropos.
  19. Mazziotta M. and Pareto A. (2016). On a Generalized Non-compensatory Composite Index for Measuring Socio-economic Phenomena. Social Indicators Research, CXXVII(3): 983-1003.
  20. Naess S. (1989). The Concept of Quality of Life. In: Björk S. and Vang J., editors, Assessing Quality of Life, Linköping: Samhall Klintland, pp. 9-16.
  21. Nuvolati G. (2019). Interstizi della città. Rifugi del vivere quotidiano. Bergamo: Moretti e Vitali.
  22. Nuvolati G. (2016). Un caffè tra amici, un whiskey con lo sconosciuto. La funzione dei bar nella metropoli contemporanea. Bergamo: Moretti&Vitali.
  23. Nuvolati G. (2013). L’interpretazione dei luoghi. Flânerie come esperienza di vita. Firenze: Firenze University Press.
  24. Nuvolati G. (2010). La qualità della vita. Tradizione di studi e nuove prospettive di ricerca nella sociologia urbana. Quaderni di sociologia, LIV(52): 97-111.
  25. Nuvolati G. (2006), Lo sguardo vagabondo. Il flâneur e la città da Baudelaire ai postmoderni. Bologna: il Mulino.
  26. Nuvolati G. (2003). Qualità della vita. Sviluppi recenti della riflessione teorica e della ricerca. Sociologia urbana e rurale, 72: 71-93.
  27. Nuvolati G. (2002). La qualità della vita urbana: risorse, functionings e capabilities. Politeia, 64: 147-154.
  28. Oldenburg R. (1989). The Great Good Place: Cafes, Coffee Shops, Community Centers, Beauty Parlors, General Stores, Bars, Hangouts and How They Get You Through the Day. New York: Paragon House.
  29. Sen A. (1993). Capabilities and Well-Being. In: Nussbaum M. and Sen A., editors, The Quality of Life. Oxford: Clarendon Press, pp. 30-53.
  30. Schifini D’Andrea S. (1988). Livello e qualità della vita. Firenze: Dipartimento Statistico, Università degli Studi di Firenze.
  31. Spanò A. (1989). Benessere e felicità nella prospettiva della teoria della qualità della vita. La critica sociologica, 90-91: 69-120.
  32. Stull D. (1987). Conceptualisation and Measurement of Well-Being. In: Borgatta E. and Montgomery R., editors, Critical Issues in Ageing Policy. Linking Research and Values. London: Sage, pp. 55-90.
  33. Tester K., editor (1994). The Flâneur. London: Routledge.
  34. Vergati S. (1989). Dimensioni sociali e territoriali della qualità della vita. Roma: Euroma.
  35. Zapf W. (1984). Individuelle Wohlfahrt: Lebensbedingungen und wahrgenommene Lebensqualität. In: Glatzer W. und Zapf W., Hg, Lebensqualität in der Bundesrepublik. Objektive Lebensbedingungen und subjektives Wohlbefinden. Frankfurt: Campus, pp. 13-26.

Giampaolo Nuvolati, in "WELFARE E ERGONOMIA" 2/2019, pp. 21-30, DOI:10.3280/WE2019-002002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche