Vedere la luce

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Delia Battin, Eugene Mahon
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 35-48 Dimensione file: 195 KB
DOI: 10.3280/PSI2020-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Vedere la luce è un’espressione che di solito connota una comprensione concettuale del si-gnificato in tutta la sua complessità, mentre la percezione della luce non è il problema. Gli auto-ri presentano il caso di una paziente con un’acuta sensibilità alla luce che disturba il suo sonno; la paziente "vede la luce" in modo concreto, sintomatico. La luce in sé è diventata un elemento collusivo e compiacente sul quale un aspetto del conflitto viene spostato al servizio dell’auto-inganno. Paradossalmente, l’analisi e la scomposizione del sintomo alla fine hanno portato proprio al tipo di insight che l’espressione vedere la luce veicola.

  1. Brenner C. (1982). The Mind in Conflict. New York: Int. University Press.
  2. Freud S. (1908). Creative writers and daydreaming. In: S.E., vol. 9.
  3. Glover E. (1929). The “screening” function of traumatic memories. Int. J. Psychoanal., 10: 90-93.
  4. Hartmann H. (1955). Notes on the theory of sublimation. Psychoanal. Study Child, 10: 9-29.
  5. Mahon E. (2005). To repress: a note on an ambiguity of meaning. Psychoanal. Q., 74: 1053-1068.
  6. Mahon E., Battin-Mahon D. (1983). The fate of screen memories in psychoanalysis. Psychoanal. Study Child, 38: 459-479.
  7. Opie I., Opie P. (1959). The Lore and Language of School Children. Oxford, England: Clarendon Press.

Delia Battin, Eugene Mahon, Vedere la luce in "PSICOANALISI" 1/2020, pp 35-48, DOI: 10.3280/PSI2020-001003