Insieme è meglio. Riflessioni pedagogiche sul caso "Scarabò. Una città per educare"
Titolo Rivista: EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY 
Autori/Curatori: Fabrizio d'Aniello 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 2 Pedagogia dell'oggi: le sfide del presente. Percorsi di ricerca. Ricchezza e pluralità dell'indagine contemporanea Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 129-154 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ess2-2020oa9391
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Questo articolo presenta solo alcuni risultati emersi da una complessa attività di ricerca sul campo effettuata tra il 2018 e il 2019. La ricerca è stata motivata dalla partecipazione al progetto internazionale denominato Trans-Urban EU-China, dedicato alla «transizione verso la sostenibilità urbana attraverso città socialmente integrative nell’Ue e in Cina». Nello specifico, lo studio empirico si è concentrato su "Scarabò. Una città per educare", festival dell’educazione che si svolge ogni anno nel centro storico di Macerata, mettendo a disposizione dei bambini e di tutta la cittadinanza più di 40 laboratori educativi e varie attività ludiche. In questa occasione, vengono riportati i risultati delle interviste somministrate a 111 bambini partecipanti all’iniziativa e ci si sofferma pedagogicamente sui temi della città educante, colta secondo la prospettiva dell’educazione permanente, e degli spazi urbani come spazi di relazione significativa. "Insieme è meglio" è l’espressione che riassume le risposte dei bambini, le quali invitano a ripensare educativamente i luoghi della città.


Keywords: Città educante, educazione permanente, spazi urbani, bambini e socialità urbana, "Scarabò. Una città per educare", Trans-Urban EU-China.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Fabrizio d'Aniello, in "EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY" 2/2020, pp. 129-154, DOI:10.3280/ess2-2020oa9391

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche