Quale learning per il XXI secolo?
Titolo Rivista: EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY 
Autori/Curatori: Stefano Polenta 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 2 Pedagogia dell'oggi: le sfide del presente. Percorsi di ricerca. Ricchezza e pluralità dell'indagine contemporanea Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 458-483 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ess2-2020oa9654
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Il tema dell’apprendimento è ormai al centro dei sistemi educativi. L’interesse per "come" la mente apprende ha sopravanzato il "cosa" apprende. Di qui l’enfasi sulle "competenze" che dovrebbero mettere in condizione il soggetto non solo di contribuire alla coesione sociale e alla propria crescita personale ma anche, come viene ribadito in molti documenti di importanti organizzazioni e decisori internazionali, allo sviluppo economico e alla crescita dell’occupazione nell’ambito di una learning economy. L’interesse che proviene da questi ambienti per una "nuova pedagogia" che fornisca "competenze2 utili alla crescente competizione nell’ambito del capitalismo cognitivo rischia, tuttavia, di enfatizzare solo la dimensione strumentale dell’apprendimento. In questo modo viene meno quella tensione fra soggettività e universalità che l’epoca della Bildung aveva impresso nel concetto di educazione e della quale oggi si sente un rinnovato bisogno. Il contributo intende affrontare queste tematiche proponendo tre "vertici" (creativo, estetico e etico) che intendono fornire un contributo per arricchire il concetto di apprendimento tenendo sullo sfondo proprio quello di universalità.


Keywords: Apprendimento, creatività, estetica, etica, Bildung

Stefano Polenta, in "EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY" 2/2020, pp. 458-483, DOI:10.3280/ess2-2020oa9654

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche