La costa metropolitana e la costruzione di una visione comune. Alcuni indizi dal caso Bari

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Francesca Calace, Carlo Angelastro, Olga Giovanna Paparusso
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 93 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 99-106 Dimensione file: 374 KB
DOI: 10.3280/TR2020-093016
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nei territori affacciati sul mare, peculiari sia in termini fisico-ambientali, sia per le dinamiche insediative, sia infine per le economie tradizionali ed emergenti, molteplici strumenti e attori intervengono, ciascuno con la propria razionalità, nel trasformarli. Quando poi tale condizione si esprime in una dimensione metropolitana, la maggiore intensità dei fenomeni ambientali e insediativi e la concentrazione di interessi e attori rendono il territorio costiero particolarmente soggetto a pressioni. Campo di riflessione è la costa della città metropolitana di Bari, nella quale questo patchwork necessita di essere indagato, in una prospettiva interscalare e non gerarchica, per verificare se possa essere rintracciato un progetto comune e quali ne possano essere i capisaldi.

Francesca Calace, Carlo Angelastro, Olga Giovanna Paparusso, La costa metropolitana e la costruzione di una visione comune. Alcuni indizi dal caso Bari in "TERRITORIO" 93/2020, pp 99-106, DOI: 10.3280/TR2020-093016