L’adattamento locale al cambiamento climatico in aree alpine

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Elena Pede, Luca Staricco
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 93 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 116-122 Dimensione file: 293 KB
DOI: 10.3280/TR2020-093018
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le Alpi sono tra le zone più vulnerabili ai cambiamenti climatici in Europa; tuttavia il dibattito sulle strategie e le azioni di adattamento continua a concentrarsi prevalentemente sulle aree urbane e costiere maggiormente popolate. L’articolo presenta i risultati di un’indagine sulle pratiche di adattamento locale ai cambiamenti climatici messe in campo in un’area alpina, costituita dai 45 comuni della Zona omogenea del Pinerolese (Torino). L’indagine fa emergere alcune barriere che possono ostacolare l’adattamento al cambiamento climatico nei contesti montani, o comportare una sua declinazione in termini di pratiche poco sistematiche e ambiziose: una percezione del cambiamento in termini quasi esclusivi di intensificazione degli eventi estremi, l’iperframmentazione comunale, la mancanza di un’efficace governance orizzontale e verticale, la carenza di risorse finanziarie e conoscitive.

Elena Pede, Luca Staricco, L’adattamento locale al cambiamento climatico in aree alpine in "TERRITORIO" 93/2020, pp 116-122, DOI: 10.3280/TR2020-093018