Le politiche urbane per l’inclusione. Generare terzo spazio

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Letizia Carrera
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 93 Lingua: Italiano
Numero pagine: 6 P. 123-128 Dimensione file: 199 KB
DOI: 10.3280/TR2020-093019
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Oggi la città è più che in passato caratterizzata dalla multiculturalità, affrontata ancora con la logica del ‘melting pot’, quindi di omogeneizzazione delle differenze, piuttosto che di quella più complessa della ‘salad bowl’. Uno strumento strategico è rappresentato dalla (ri)progettazione dello spazio urbano in vista della realizzazione di processi di inclusione, attraverso interventi strutturali puntuali e diffusi nel territorio. Centrali gli spazi terzi, spazi fisici nei quali soggetti diversi hanno la possibilità di incontrarsi e di iniziare percorsi di riconoscimento e di costruzione di comunità territoriali fondate sulle differenze e sulla contaminazione. Alcune politiche hanno optato per strategie di attesa di processi spontanei di composizione virtuosa di quelle differenze, altre per la messa in campo di azioni di governo delle differenze stesse e di processi di inclusione attiva.

Letizia Carrera, Le politiche urbane per l’inclusione. Generare terzo spazio in "TERRITORIO" 93/2020, pp 123-128, DOI: 10.3280/TR2020-093019