Le tecnologie appropriate nell’architettura d’emergenza

Titolo Rivista: TERRITORIO
Autori/Curatori: Luca Trabattoni, Carlo Berizzi, Alessio Battistella, Sonia Luisi
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 93 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 139-146 Dimensione file: 448 KB
DOI: 10.3280/TR2020-093021
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli ultimi decenni molti studi di architettura che operano in contesti di crisi umanitaria secondo l’approccio delle ‘tecnologie appropriate’ stanno provando a sviluppare soluzioni alternative al progetto d’emergenza: partendo da una attenta riflessione su tecnologia e materiali, non solo ricercano soluzioni efficienti e sostenibili ma anche un’estetica e un linguaggio capaci di trarre linfa vitale dalla specificità dei luoghi. Attraverso l’analisi dell’approccio progettuale di ARCò - architettura & cooperazione, studio di Milano che opera da più di dieci anni in contesti di guerra e povertà, si intende riflettere sulle tematiche specifiche dell’architettura d’emergenza: la sostenibilità, la ricerca formale, il linguaggio e la comunicazione sono i campi entro cui si ricercano risposte adeguate, sia tecnologiche sia progettuali.

Luca Trabattoni, Carlo Berizzi, Alessio Battistella, Sonia Luisi, Le tecnologie appropriate nell’architettura d’emergenza in "TERRITORIO" 93/2020, pp 139-146, DOI: 10.3280/TR2020-093021