"Cooperando si impara". L’esperienza dei Project Work

Titolo Rivista: SALUTE E SOCIETÀ
Autori/Curatori: Barbara Pentimalli
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 134-147 Dimensione file: 249 KB
DOI: 10.3280/SES2021-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

  1. Alastra V., Kaneklin C., Scaratti G. (2012). La formazione situata. Repertori di pratica. Milano: Franco Angeli.
  2. Bronzini M., a cura di (2011). Dieci anni di welfare territoriale: pratiche di integrazione socio-sanitaria. Napoli: ESI.
  3. Cacciamani S. (2008). Imparare cooperando. Dal Cooperative Learning alle comunità di ricerca. Roma: Carocci.
  4. Edwards A., Daniels H., Gallagher T., Leadbetter J., Warmington P. (2009). Improving Inter-professional Work Collaborations: Learning to Do Multi-agency. London: Routledge.
  5. Ellerani P., Pavan D. (2003). Il Cooperative Learning: una proposta per l’orientamento formativo. Napoli: Tecnodid.
  6. Engeström Y. (2004). New Forms of Learning in Co-configuration Work. Journal of Workplace Learning, 16(1-2): 11-21. DOI: 10.1108/1366562041052147
  7. D’Amour D., Oandasan I. (2005). Interprofessionality as the Field of Interprofessional Practice and Interprofessional Education: An Emerging Concept. Journal of Interprofessional Care, 19(1): 8-20. DOI: 10.1080/1356182050008160
  8. Fabbri L. (2007). Comunità di pratiche e apprendimento riflessivo. Per una formazione situata. Roma: Carocci.
  9. Fabbri L. (2014). La formazione situata. Dispositivi per conoscere e coltivare gli apprendimenti informali. In: Corbi E., Perillo P., a cura di, La formazione e il carattere pratico della realtà. Lecce: PensaMultimedia.
  10. Fabbri L., Melacarne C. (2015). Apprendere a scuola. Metodologie attive di sviluppo e dispositivi riflessivi. Milano: Franco Angeli.
  11. Galloni F. (2014). Sconfina-menti. L’etnografia come esperienza interculturale al di là della ricerca. In: Gobbo F., Simonicca A., a cura di, Etnografia e intercultura. Roma: CISU.
  12. Gherardi S. (2008). Dalle comunità di pratiche alle pratiche di comunità: breve storia di un concetto in viaggio. Studi Organizzativi, 1: 1-52. DOI: 10.1400/11489
  13. Goodwin C. (1994). Professional Vision. American Anthropologist, 96(3): 606-633
  14. Hall P. (2005). Interprofessional Teamwork: Professional Cultures as Barriers. Journal of Interprofessional Care, 1: 188-196. DOI: 10.1080/1356182050008174
  15. Ivaldi S., Scaratti G. (2015). Competenze manageriali e costruzione sociale di conoscenza. Una ricerca sul campo. Studi Organizzativi, 2: 9-38. DOI: 10.3280/SO2015-00200
  16. Lam A. (2000). Tacit Knowledge, Organizational Learning and Societal Institutions: An Integrated Framework. Organization studies, 21: 487-513. DOI: 10.1177/017084060021300
  17. Silberman M.L. (2007). The Handbook of Experiential Learning. San Francisco: Pfeiffer & Co.
  18. Landri P., Milione A. (2016). Le pratiche di comunità. La costruzione di rete di educazione e politiche sociali. In: Landri P., a cura di, Prendersi cura del welfare. Le politiche sociali nella lente della pratica. Pavia: Altravista.
  19. Lave J., Wenger E. (1990). Situated Learning: Legitimate Peripheral Participation. Cambridge: Cambridge University Press.
  20. Lipari D. (2008). Metodi della formazione «oltre l’aula»: apprendere nelle «comunità di pratica». In: Montedoro C., Pepe D., a cura di, La riflessività nella formazione: metodi e modelli. Roma: Isfol.
  21. Lisimberti C., Montalbetti K. (2016). Con le mani in pasta. Apprendere la ricerca tra teoria e pratica. Scuola Democratica, 3: 687-706. DOI: 10.12828/8552
  22. Lusardi R. (2018). Etnografia partecipativa e comunità di pratica: metodi formativi e risorse professionali per il nuovo welfare. Professionalità Studi, 2(2): 10-24.
  23. Lusardi R., Manghi S. (2013). I limiti del sapere tecnico: i saperi sociali nella scena della cura. In: Vicarelli G., a cura di, Cura e salute. Prospettive sociologiche. Roma: Carocci.
  24. Lusardi R., Nicoli M.A. (2017). Le culture professionali dell’integrazione sociosanitaria. In: Miele F., Piras E.M., a cura di, Mettere la cura in pratica. Professioni e scene della cura fuori dagli ospedali. Milano: Ledizioni.
  25. Lusardi R., Piras E.M. (2018). Collaborazione e coordinamento nelle pratiche di cura. Forme emergenti di relazione tra pressioni istituzionali e accordi informali. Studi di Sociologia, 56(4): 385-394. DOI: 10.26350/000309_00004
  26. Lusardi R., Tomelleri S. (2017). Gli ibridi professionali. Le culture professionali alla prova dell’integrazione sociosanitaria. Salute e Società, 16(3): 11-31. DOI: 10.3280/SES2017-SU300
  27. Milione A. (2016). La governance dell’abbandono scolastico a Napoli: oltre le metafore della guerra di trincea l’immagine della rete. In: Landri P., a cura di, Prendersi cura del welfare. Le politiche sociali nella lente della pratica. Pavia: Altravista.
  28. Moon J.A. (2004). A Handbook of Reflective and Experiential Learning: Theory and Practice. London: Routledge.
  29. Pentimalli B., Valentini P. (2011). Integrazione socio-sanitaria del Lazio: il riequilibrio “rimandato” tra ospedale e territorio. In: Bronzini M., a cura di, Dieci anni di welfare territoriale: pratiche di integrazione socio-sanitaria. Napoli: ESI.
  30. Pescarmona I. (2014). L’etnografia come risorsa per l’innovazione. In: Gobbo F., Simonicca A., a cura di, Etnografia e Intercultura. Roma: CISU.
  31. Piccardo C., Kaneklin C., Scaratti G. (2010). La ricerca-azione. Cambiare per conoscere nei contesti organizzativi. Milano: Raffaello Cortina.
  32. Pipan T. (2010). Il ruolo dei master nella formazione manageriale in sanità. In: Pipan T., a cura di, I rischi in sanità. Un nuovo fenomeno sociale. Milano: Franco Angeli.
  33. Pipan T., Pentimalli B. (2018). Apprendere dalle pratiche. Le sfide della formazione manageriale nella sanità che cambia. Scuola Democratica, 3: 523-542. DOI: 10.12828/9214
  34. Poirot-Delpech S. (2016). Des collectifs éphémères. Socio-Anthropologie, 33: 9-21.
  35. Radin A. (2018). Lavorare sulla linea: il mito della collaborazione e i manager intermedi. Studi di Sociologia, 4, 395-404. DOI: 10.26350/000309_00004
  36. Schön D.A. (2006). Formare il professionista riflessivo. Per una nuova prospettiva della formazione e dell’apprendimento nelle professioni. Milano: FrancoAngeli.
  37. Sclavi M. (2003). Arte di ascoltare e mondi possibili. Come si esce dalle cornici di cui siamo parte. Milano: Mondadori.
  38. Slavin R.E. (1995). Cooperative learning: Theory, Research and Practice. Needham Heights. MA: Simon & Schuster Company.
  39. Tomelleri S. (2017). Quali professionalità per il nuovo welfare? In: Cesareo V., a cura di, Welfare responsabile. Milano: Vita e pensiero.
  40. Tommelleri S., Artioli G. (2013). Scoprire la collaborazione resiliente. Una ricerca-azione sulle relazioni interprofessionali in area sanitaria. Milano: Franco Angeli.
  41. Tousijn W. (2011). Professionalismo e rapporti inter-professionali nelle equipe multidisciplinari. In: Bronzini M., a cura di, Dieci anni di welfare territoriale. Milano: Franco Angeli.
  42. Tousijn W. (2015). I rapporti inter-professionali in sanità: dal vecchio al nuovo professionalismo. Salute e società, 3: 44-55. DOI: 10.3280/SES2015-00300
  43. Wenger E. (1998). Communities of Practice: Learning, Meaning, and Identity. Cambridge: Cambridge University Press.
  44. Wenger E. (2000). Communities of Practice and Social Learning Systems. Organization, 7(2): 246-267. DOI: 10.1177/13505084007200
  45. Vicarelli G. (2012). Medici e manager. Verso un nuovo professionalismo?. Cambio. Rivista sulle Trasformazioni Sociali, 2(3): 125-136.
  46. Zucchermaglio C., Alby F. (2005). Gruppi e tecnologie al lavoro. Roma/Bari: Laterza.
  47. Zucchermaglio C., Scaratti G., Ferrai L. (2012). Apprendere trasformando: costruire e abitare le proprie pratiche lavorative. Scuola Democratica, 4: 76-92. DOI: 10.1400/22592

Barbara Pentimalli, "Cooperando si impara". L’esperienza dei Project Work in "SALUTE E SOCIETÀ" 1/2021, pp 134-147, DOI: 10.3280/SES2021-001010