Clicca qui per scaricare

"C’era una volta". L’uso delle storie per la formazione sul rischio in sanità
Titolo Rivista: SALUTE E SOCIETÀ 
Autori/Curatori: Ester Pedone 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1 La sociologia e la sfida della formazione manageriale in sanità. Tatiana Pipan, Giovanna Vicarelli (a cura di) Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 148-163 Dimensione file:  256 KB
DOI:  10.3280/SES2021-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 




This article shows the effectiveness of the narrative approach for healthcare risk manage-ment. The analysis of stories of errors contributes to make professionals more aware of the risks and errors in everyday practices by developing the ability to recognize, intercept and prevent them. By analysing two training experiences, we highlight how interactive and par-ticipatory teaching, as well as the use of stories of error, can encourage a comparison be-tween different professional cultures. Creating a space for reflection allows organizational issues to emerge and promotes the designing of improvement actions. Based on long-time experience of project management and tutorship at the Master MIAS, the article shows the essential role of the sociologist tutor as an agent of reflexivity, facilitator and observer of the interactive dynamics within multidisciplinary working groups.
Keywords: Formazione manageriale; tutoraggio; storie di errore; narrazione; sociologia; rischi in sanità.

  1. Catino M. (2006). Da Chernobyl a Linate. Incidenti tecnologici o errori organizzativi?. Roma: Mondadori.
  2. Czarniawska B. (2000). Narrare l’organizzazione. La costruzione sociale dell’identità istituzionale. Torino: Edizioni di Comunità.
  3. D’Angeli F., Pedone E., Pentimalli B. (2014). Il viaggio della cartella clinica nei contesti ospedalieri. Pratiche di compilazione e storie di quasi errori. In: Pipan T., a cura di, Presunti colpevoli. Dalle statistiche alla cartella clinica: indagine sugli errori in sanità. Milano: Guerini.
  4. Hilgartner S. (1992). The Social Construction of Risk Objects. Or, how to Pry Open Networks of Risk. In: Short J., Clarke L., a cura di, Organization, Uncertainties, and Risk. Boulder, CO: Westview Press.
  5. Jedlowski P. (2000). Storie comuni. Milano: Mondadori.
  6. Leape L.L., Woods D., Hatlie M., Kizer K.W., Schroeder S.A., Lundberg G.D. (1998). Promoting Patient Safety by Preventing Medical Error. JAMA, 280(16): 1444-1447.
  7. Lipari D. (2016). Dentro la formazione. Etnografia, pratiche, apprendimento. Milano: Guerini Next srl.
  8. Marti F., Merola D., Rizzo A., Sgroi D., Vessicchio A. (2017). Nuove prospettive sul rischio clinico. Azioni integrate e professionisti illuminati per correggere uno sguardo miope. Tesi di Project Work al Master in Management e Innovazione nelle Aziende Sanitarie, DiSSE-Università Roma Sapienza.
  9. Orr J.E. (1990). Condividere le conoscenze, celebrare l’identità. In: Pontecorvo C., Ajello A.M., Zucchermaglio C., a cura di (1995), I contesti sociali dell’apprendimento. Acquisire conoscenze a scuola, nel lavoro, nella vita quotidiana. Milano: LED.
  10. Pedone E. (2016). La cartella clinica in azione. Etnografia in tre contesti ospedalieri. Tesi di Dottorato in Sistemi Sociali, Organizzazione e Analisi delle Politiche Pubbliche, DiSSE, Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Università Sapienza di Roma.
  11. Pentimalli B. (2012). Ascoltare, tradurre, ricostruire e raccontare storie su “presunti errori medici”; le abilità dei consulenti del Tribunale per i diritti del malato. In: Poggio B., Valastro O.M., a cura di, Raccontare, ascoltare, comprendere: metodologia e ambiti di applicazione delle narrazioni nelle scienze sociali. Testo disponibile al sito M@gm@ ISSN 1721-9809, Vol.10, n.1, 2012.
  12. Pipan T., Pentimalli B. (2018). Apprendere dalle pratiche. Le sfide della formazione manageriale nella sanità che cambia. Scuola Democratica, 3: 523-542., DOI: 10.12828/9214
  13. Poggio B. (2004). Mi racconti una storia? Il metodo narrativo nelle scienze sociali. Roma: Carocci.
  14. Reason J. (1997). Managing the Risks of Organizational Accidents. Aldershot: Ashgate.
  15. Schön D. (1993). Il professionista riflessivo. Per una nuova epistemologia della pratica. Bari: Dedalo.
  16. Weick E.K., Sutcliffe M.K. (2001). Managing the Unexpected Assuring High Performance in Age of a Complexity. San Francisco: Jossey-Bass (tr.it.: Governare l’inatteso. Organizzazioni capaci di affrontare le crisi con successo. Milano: Raffaele Cortina Editore, 2010).
  17. Zammuner V.L. (2003). I focus group. Bologna: Il Mulino.

Ester Pedone, in "SALUTE E SOCIETÀ" 1/2021, pp. 148-163, DOI:10.3280/SES2021-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche