Genere e spazio a Tehran: esclusione, contestazione e rinascita

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Anna Vanzan
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 167 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 17-32 Dimensione file: 654 KB
DOI: 10.3280/SU2020-167003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In Iran, almeno da quarant’anni, ovvero dall’instaurarsi della Repubblica Islamica d’Iran, le donne stanno rinegoziando gli spazi loro concessi, compresi quelli urbani. La capitale Tehran, vero microcosmo e barometro sociale dell’intero Paese, si presta come caso di studio per verificare progressi e/o regressioni nel rapporto tra spazio urbano e generi svantaggiati, non solo quello femminile, ma pure quelli rappresentati nell’acronimo LGBTIQ.

Anna Vanzan, Genere e spazio a Tehran: esclusione, contestazione e rinascita in "STORIA URBANA " 167/2020, pp 17-32, DOI: 10.3280/SU2020-167003