La Guerra Fredda alle Olimpiadi: la diplomazia sportiva americana negli anni Cinquanta

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Umberto Tulli
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 2-3 Lingua: English
Numero pagine: 20 P. 237-256 Dimensione file: 306 KB
DOI: 10.3280/MON2020-002012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli anni Cinquanta, l’amministrazione Eisenhower diede grande importanza allo sport nella sua propaganda e nelle sue iniziative di diplomazia culturale. Per rispondere alla "offensiva culturale" sovietica, sviluppò tre tipi di iniziative: uno sforzo propagandistico per denunciare i problemi dello sport sovietico (soprattutto la sua natura professionistica e politica) e mostrare i pregi dello sport americano; tour all’estero di atleti americani; tour negli Stati Uniti di atleti di altre nazionalità. Comune a tutte queste iniziative stava un messaggio e, insieme, una contraddizione: l’assenza di interferenze del governo federale nello sport americano.

Umberto Tulli, La Guerra Fredda alle Olimpiadi: la diplomazia sportiva americana negli anni Cinquanta in "MONDO CONTEMPORANEO" 2-3/2020, pp 237-256, DOI: 10.3280/MON2020-002012