La stagione di Moda Polska nella Polonia socialista: aspetti interni e internazionali

Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO
Autori/Curatori: Cesare La Mantia
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 2-3 Lingua: English
Numero pagine: 18 P. 343-360 Dimensione file: 314 KB
DOI: 10.3280/MON2020-002017
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel secondo dopoguerra il settore della moda fu tra i protagonisti della rinascita della Polonia. Le sarte polacche crearono da tendaggi e vecchi vestiti abiti per vestire nella maniera più elegante la popolazione, soprattutto femminile. Durante la stagione di Moda Polska e di figure di spicco quali Jadwiga Grabowska o Barbara Hoff, la moda polacca si pose in contrasto con quella sovietica e stabilì rapporti a livello internazionale, anche con le case di moda francesi. La moda polacca divenne un forte fattore identitario nella delicata fase in cui Mosca cercava di sostituire le precedenti e radicate identità nazionali degli Stati sotto la sua influenza con nuovi modelli culturali e politici. Il fascino della moda polacca e delle sue creatrici contribuì a rafforzare all’estero l’immagine di una Polonia insofferente verso il comunismo e a mantenere un ulteriore canale di comunicazione con l’Occidente oltre a quello già presente grazie ai rapporti con la Santa Sede.

Cesare La Mantia, La stagione di Moda Polska nella Polonia socialista: aspetti interni e internazionali in "MONDO CONTEMPORANEO" 2-3/2020, pp 343-360, DOI: 10.3280/MON2020-002017