Clicca qui per scaricare

"Figli che rifiutano un genitore: intrecci relazionali nei percorsi di separazione" Prima parte
Titolo Rivista: RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE  
Autori/Curatori: Francesco Canevelli 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 53  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 26-47 Dimensione file:  223 KB
DOI:  10.3280/PR2021-053003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autore presenta il fenomeno del rifiuto che un figlio manifesta nei confronti di un genitore all’interno di alcune situazioni che fanno se-guito alla separazione. Il fenomeno viene inquadrato all’interno di specifici scenari in cui si realizzano intrecci relazionali che sostengono e rafforzano il rifiuto stesso e che forniscono cornici di senso al suo realizzarsi. Vengono esaminate le ricadute che il rifiuto e il tipo di intrecci in cui si inserisce comportano per i bisogni di sviluppo del figlio e dell’intero sistema familiare. Vengono infine presi in esame i diversi contesti e le possibili articolazioni degli interventi specialistici in que-sto tipo di situazioni.


Keywords: effetti della separazione sui figli, rifiuto di un genitore, intrecci relazionali, scenari della separazione, percorsi di sviluppo, contesti di intervento.

  1. APA American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders, fifth edition, DSM-5. Arlington: American Psychiatric Publishing (trad. it.: Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali, quinta edizione, DSM-5. Milano: Cortina, 2014).
  2. Boszormenyi-Nagy I., Spark G.M. (1988). Lealtà invisibili. La reciprocità nella terapia familiare intergenerazionale. Roma: Astrolabio.
  3. Canevelli F., Lucardi M. (2000). La mediazione familiare. Dalla rottura del legame al riconoscimento dell’altro. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Canevelli F., Lucardi M. (2019). Coppie in mediazione. Legami, conflitti, riconoscimenti. Roma: Apertamenteweb.
  5. Cigoli V. (1998). Psicologia della separazione e del divorzio. Bologna: il Mulino.
  6. Gardner R.A. (1985). Recent Trends in Divorce and Custody Litigation. The Academy Forum (A Publication of the American Academy of Psychoanalysis), 29, 2: 3-7.
  7. Ivaldi A. (2004). Il triangolo drammatico: da strumento descrittivo a strumento terapeutico. Cognitivismo Clinico, 1, 2: 108-123.
  8. Karpman S.B. (1968). Fairy tales and script drama analysis. Transational Analysis Bulletin, 7: 39-43.
  9. Liotti G., Farina B. (2011). Sviluppi traumatici. Epistemologia, clinica e terapia della dimensione dissociativa. Milano: Raffaello Cortina.
  10. Lucardi M. (1991). Separazione e affidamento: genitori e figli nella rappresentazione dei magistrati. Tesi di dottorato. Roma, Università La Sapienza.
  11. Meadow R. (1977). Munchausen syndrome by proxy-the hinterland of child abuse. Lancet, 310: 343-345., DOI: 10.1016/s0140-6736(77)91497-0
  12. Santi G. (1983). Separazione e divorzio in una prospettiva psicogiuridica in Cigoli V., Gulotta G., Santi G. Separazione, divorzio e affidamento dei figli. Milano: Giuffré.
  13. SINPIA Soc. It. di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (2007). Linee guida in tema di abuso sui minori.

Francesco Canevelli, in "RIVISTA DI PSICOTERAPIA RELAZIONALE " 53/2021, pp. 26-47, DOI:10.3280/PR2021-053003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche