Clicca qui per scaricare

La scrittura come gioco e prima cura del trauma
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Elisabetta Berardi 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 124-133 Dimensione file:  155 KB
DOI:  10.3280/PSP2021-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autrice racconta un particolare utilizzo della scrittura e, nello specifico, del "giocare" con le parole come mezzo terapeutico o pre-terapeutico, utile per "raffreddare" e affrontare indirettamente aspetti traumatici e talvolta uscire, attraverso la narrazione, dall’identificazione con l’aggressore. La prima esperienza riportata è quella di un atelier proposto a un gruppo di ragazze come un gioco in cui, partendo da disegni, testi autobiografici o stralci di narrativa scelti, il materiale viene fatto girare, di mano in mano, così che dalle mani di ognuno si possa attingere alla propria mente e all’apporto che ne può dare in termini di nuova significazione. Tale modalità, pur permettendo alle diverse significazioni di unirsi e permettendo a ognuno di nutrirsene, permette al contempo a ognuno di proteggersi da un contatto esclusivo e troppo approfondito con materiali psichici molto incandescenti. Nelle altre due esperienze riportate, il rapporto è a due, terapeuta paziente, ma anche in questi casi si utilizza il giocare con le parole, con il loro transito da una mente all’altra per mezzo della concretezza di carta e mani. L’attenzione viene posta in particolare sulla dinamica che si crea nel momento in cui il materiale di qualcuno viene rimaneggiato da qualcun altro, che permette di farsi toccare dal materiale stesso, per poi restituirlo al mittente in una sorta di rêverie mediata dal testo.


Keywords: Scrittura, trauma, gioco, riparazione, confusione, sopravvivenza psichica.

  1. Ambrosiano L. (2009). Con la realtà addosso, Riv. Psicoanalitica, 55 (2): 303-324.
  2. Barbieri G.L. (2007). Tra testo e inconscio. Strategie della parola nella costruzione dell’identità. Milano: FrancoAngeli.
  3. Bion W.R. (1965). Trasformazioni. Il passaggio dall’apprendimento alla crescita. Roma: Armando, 1973.
  4. Civitarese G., Ferro A. (2020). Vitalità e gioco in psicoanalisi. Milano: Raffaello Cortina.
  5. Ferenczi S. (1924). Thalassa. Una teoria della genitalità. Milano: Pgreco, 2013.
  6. Rank O. (1924). Il trauma della nascita. Rimini: Guaraldi, 1972.
  7. Tolstoj L. (1869). Guerra e Pace. Milano: Garzanti, 2007.
  8. Vallino D. (2011). Raccontami una storia. Roma: Borla.

Elisabetta Berardi, in "PSICOTERAPIA PSICOANALITICA" 1/2021, pp. 124-133, DOI:10.3280/PSP2021-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche