Clicca qui per scaricare

Danchi and Tower Mansions. The Origin and Current Situation of Collective Housing in Tokyo: From Centre to Periphery, from Inland to Waterfront
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Makoto Shin Watanabe, Yoko Kinoshita 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 169  Lingua: Inglese 
Numero pagine:  21 P. 147-167 Dimensione file:  566 KB
DOI:  10.3280/SU2021-169007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


This paper is an overview on the location and concentration of housing types in the Tokyo district, with particular focus on danchi and "mansions" (particularly "tower mansions"). The focus is placed on these two types of housing, the danchi developed by the Japan Housing Corporation, a public housing corporation, and the Tower Mansions developed by the private developers. Neither suburban detached houses, nor the government-subsidized housing other than that of the Kodan, were included in the analysis in order to keep our argument intact. Danchi (public housing estates) built from 1955 to 1970 were mostly built by replacing forests or agricultural areas in the suburbs. Land developments by Kodan as well as by private developers at that time had been concentrated in the inlands. The situation changed after the year 2000, when tower mansions, a building type that featured high-rise and high-density apartment buildings, allowed construction on much smaller plots of land than those in the suburbs, promoting brownfield developments near the city. Consequently, danchi, much of which are rental, and publicly owned, were built in inland, while the tower mansions, essentially privately owned, were located near the city, and near the waterfront. These two contrasting housing examples must be highlighted when studying the state of contemporary housing in Tokyo.

Questo articolo presenta una panoramica della collocazione e della concentra zione dei modelli abitativi nel distretto di Tōkyō, con particolare attenzione ai dan-­ chi e ai "mansions" (in particolare le "tower mansions"). L’attenzione si focalizza su questi due tipi di alloggi, il danchi sviluppato dalla Japan Housing Corporation, una società di edilizia residenziale pubblica, e le tower mansions costruite da priva-­ ti. Né le case unifamiliari suburbane né le abitazioni sovvenzionate dal governo di-­ verse da quella del Kodan sono state incluse nell’analisi allo scopo di non alterare la nostra linea argomentativa. I danchi (complessi residenziali pubblici) costruiti dal 1955 al 1970 furono edificati principalmente sostituendo foreste o campi agri-­ coli nelle periferie. Lo sfruttamento delle terre da parte della Kodan così come quelli dei privati si concentrarono a quel tempo nell’entroterra. La situazione è cambiata dopo il 2000, quando le "tower mansions", un tipo di edificio di elevata altezza e ad alta densità di appartamenti, ha permesso di edificare su appezzamenti di terreno ben meno estesi rispetto a quelli impiegati nella periferia, favorendo lo sviluppo di aree dismesse vicino alla città. Di conseguenza, i danchi, molti dei qua-­ li sono in affitto e di proprietà pubblica, furono costruiti nell’entroterra, mentre le "tower mansions", che sono essenzialmente di proprietà privata, si trovano vicino alla città e a ridosso dell’acqua. Questi due contrastanti esempi abitativi devono es-­ sere evidenziati quando si studia lo stato dell’edilizia abitativa contemporanea a Tōkyō.
Keywords: Danchi Tower mansions Tōkyō Edilizia residenziale Waterfront

Makoto Shin Watanabe, Yoko Kinoshita, in "STORIA URBANA " 169/2021, pp. 147-167, DOI:10.3280/SU2021-169007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche