Click here to download

The protection of the worker’s professional dignity
Journal Title: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Author/s: Chiara Lazzari 
Year:  2017 Issue: 156 Language: Italian 
Pages:  45 Pg. 663-707 FullText PDF:  405 KB
DOI:  10.3280/GDL2017-156002
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


The essay examines the importance that the Italian legal system confers to the protection of worker’s professional dignity, as a constitutional value, after the come into force of the new law on job assignments introduced by legislative decree n. 81/2015, also to support interpretations in compliance with the Costitution.
Keywords: Professional dignity; Professionalism; Job assignments; Jus variandi, Art. 2103 c.c.; Art. 3 l.d. n. 81/2015, Interpretation in compliance with.

  1. Aiello F. (2015). Il nuovo art. 2103 c.c.: equivalenza senza professionalità pregressa?. LG: 1031 ss.
  2. Alessi C. (2004). Professionalità e contratto di lavoro. Milano: Giuffrè.
  3. Amendola F. (2015). La disciplina delle mansioni nel d.lgs. n. 81 del 2015. DLM: 489 ss.
  4. Assanti C. (1972). Art. 13. In: Assanti C., Pera G., Commento allo statuto dei diritti dei lavoratori. Padova: Cedam, 139 ss.
  5. Avondola A. (2015). La riforma dell’art. 2103 c.c. dopo il Jobs Act. RIDL, I: 345 ss.
  6. Ballestrero M.V. (2016). Il ruolo della giurisprudenza nella costruzione del diritto del lavoro. LD: 761 ss.
  7. Balletti E. (2017). I poteri del datore di lavoro tra legge e contratto. In: Aa.Vv., Legge e contrattazione collettiva nel diritto del lavoro post-statutario. Milano: Giuffrè, 67 ss.
  8. Barbera A. (1975). Art. 2. In: Branca G., a cura di, Commentario alla Costituzione. Principi fondamentali. Bologna-Roma: Zanichelli-Soc. ed. del Foro italiano, 50 ss.
  9. Basilico M. (2016). Disciplina delle mansioni: come cambia il sindacato del giudice. Giustizia civile.com.
  10. Bavaro V. (2016). Appunti su scienza e politica sul diritto del lavoro. LD: 707 ss.
  11. Becchi P. (2007). Dignità umana. In: Pomarici V., a cura di, Filosofia del diritto. Concetti fondamentali. Torino: Giappichelli, 153 ss.
  12. Becchi P. (2009). Il principio di dignità umana. Brescia: Morcelliana.
  13. Bellavista A. (2015). Il nuovo art. 2103 c.c. nel Jobs act. Testo disponibile al sito: http://www.dirittisocialiecittadinanza.org/Documenti/Il%20nuovo%20art.%202103%20c.c.%20nel%20Jobs%20act.pdf (consultato il 4.12.2015).
  14. Bellavista A. (2016). Jobs Act, politiche del lavoro e autonomia collettiva. In: Santoni F., Ricci M., Santucci R., a cura di, Il diritto del lavoro all’epoca del jobs act. Napoli: ESI, 27 ss.
  15. Bellomo S. (2015). Autonomia collettiva e clausole generali. In: Aa.Vv., Clausole generali e diritto del lavoro. Milano: Giuffrè, 63 ss.
  16. Bettini M. N. (2014). Mansioni del lavoratore e flessibilizzazione delle tutele. Torino: Giappichelli.
  17. Bianca M.C. (1993). Diritto civile. Il contratto. III, rist. Milano: Giuffrè.
  18. Bini S. (2015). Dall’equivalenza professionale all’equivalenza economica delle mansioni. Questioni ermeneutiche e prime osservazioni. ADL: 1240 ss.
  19. Bini S. (2016). Contributo allo studio del demansionamento del lavoratore in Italia. DRI: 211 ss.
  20. Borzaga M. (2013). Contrattazione collettiva di prossimità e disciplina delle mansioni: una via per aumentare la flessibilità interna del rapporto di lavoro e la produttività delle imprese?. DRI: 980 ss.
  21. Brollo M. (1997). La mobilità interna del lavoratore. Milano: Giuffrè.
  22. Brollo M. (2012). Mansioni del lavoratore, classificazione e inquadramento del personale. In: Carinci F., a cura di, Contrattazione in deroga. Accordo Interconfederale del 28 giugno 2011 e art. 8 del D.L. n. 138/2011. Milano: Ipsoa, 371 ss.
  23. Brollo M. (2015a). Disciplina delle mansioni (art. 3). In: Carinci F., a cura di, Commento al d.lgs. 15 giugno 2015, n. 81: le tipologie contrattuali e lo jus variandi. Adapt Labour Stu-dies e-Book series n. 48, 29 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/ plu-ginfile.php/24135/mod_resource/content/1/ebook_vol_48.pdf (consultato il 20.2.2017).
  24. Brollo M. (2015b). La disciplina delle mansioni dopo il jobs act. ADL: 1156 ss.
  25. Brollo M. (2016a). Lo jus variandi. In: Carinci F., a cura di, Jobs Act: un primo bilancio. Adapt Labour Studies e-Book series n. 54, 226 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/26830/mod_resource/content/1/ebook_vol_54.pdf (consultato il 20.2.2017).
  26. Brollo M. (2016b). Il mutamento di mansioni dopo il jobs act. GI: 757 ss.
  27. Brollo M. (2016c). La mobilità professionale dei lavoratori dopo il Jobs Act: spunti dal caso Fiat/FCA. RIDL, I: 307 ss.
  28. Brollo M., Vendramin M. (2012). Le mansioni del lavoratore: inquadramento e jus variandi. Mansioni, qualifiche, jus variandi. In: Martone M., a cura di, Contratto di lavoro e organizzazione. Padova: Cedam, vol. IV, t. I, 512 ss.
  29. Brun S. (2016). Capacità, valutazione e insufficienza professionale nell’ordinamento francese. DLRI: 51 ss.
  30. Buconi M. L. (2016). L’obbligo formativo. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 91 ss.
  31. Campanella P. (2015). Clausole generali e obblighi del prestatore di lavoro. In: Aa.Vv., Clausole generali e diritto del lavoro. Milano: Giuffrè, 203 ss.
  32. Carabelli U. (2004). Organizzazione del lavoro e professionalità: una riflessione su contratto di lavoro e post-taylorismo. DLRI: 1 ss.
  33. Carinci F. (1985). Rivoluzione tecnologica e rapporto di lavoro. DLRI: 203 ss.
  34. Carinci F. (2015a). A proposito di Jobs Act. ADL: 1109 ss.
  35. Carinci F. (2015b). Il tramonto dello Statuto dei lavoratori. Adapt Labour Studies e-Book series n. 41. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/21449/mod_resource/content/4/ebook_vol_41.pdf (consultato il 10.4.2017).
  36. Carinci F. (2015c). Jobs Act, atto II. La legge delega sul mercato del lavoro. WP ADAPT, n. 168. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/20490/mod_ re-source/content/8/wp_2015_168.pdf (consultato il 14.2.2017).
  37. Carnovale C. (2016). Profili di costituzionalità della nuova disciplina dello jus variandi. In: Zilio Grandi G., Gramano E., a cura di, La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 31 ss.
  38. Caruso B. (2016). Impresa, lavoro, diritto nella stagione del Jobs Act. DLRI: 255 ss.
  39. Caruso B. (2017). Riflessioni retrospettive sul giustificato motivo oggettivo (a prescindere dal Jobs Act): la fattispecie. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 323/2017. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Riflessioni-retrospettive-sul-giustificato-motivo-oggettivo-a-prescindere-dal-Jobs-Act-la-fattispeci/5613.aspx (consultato il 13.4.2017).
  40. Casillo R. (2008). La dignità nel rapporto di lavoro. RDC: 593 ss.
  41. Cataudella A. (1973). La «dignità» del lavoratore (considerazioni sul titolo I° dello Statuto dei lavoratori). DL, I: 3 ss.
  42. Celentano C. (2016). Problemi di legittimità costituzionale del nuovo art. 2103 c.c. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 41 ss.
  43. Cella G. P., Treu T. (1998). Le nuove relazioni industriali. Bologna: il Mulino.
  44. Cester C. (2016). La modifica in peius delle mansioni nel nuovo art. 2103 c.c. DLRI: 167 ss.
  45. Corti M. (2007). L’edificazione del sistema italiano di formazione continua dei lavoratori. RGL, I: 163 ss.
  46. Corti M. (2016). Jus variandi e tutela della professionalità dopo il “Jobs Act” (ovvero cosa resta dell’art. 13 dello Statuto dei lavoratori). VTDL: 39 ss.
  47. Crisafulli V. (1956). Questioni in tema di interpretazione della Corte costituzionale nei rapporti con l’interpretazione giudiziaria. GCost: 929 ss.
  48. De Angelis L. (2015). Note sulla nuova disciplina delle mansioni ed i suoi (difficilissimi) rap-porti con la delega. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 263/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Note-sulla-nuova-disciplina-delle-mansioni-ed-i-suoi-difficilissimi-rapporti-con-la-delega/5429.aspx (consultato il 14.2.2017).
  49. De Angelis L. (2016). Giurisprudenza sullo jus variandi e ruolo del giudice alla luce del Jobs Act: spunti di riflessione. LD: 867 ss.
  50. De Feo D. (2015). La nuova nozione di equivalenza professionale. ADL: 853 ss.
  51. De Luca Tamajo R. (2016). Jobs Act e cultura giuslavoristica. DLM: 5 ss.
  52. De Marinis N. (2016). La nuova disciplina delle mansioni. Questioni di diritto intertemporale. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 121 ss.
  53. Del Punta R. (1993). Parità di trattamento e rapporto di lavoro. GC, I: 2362 ss.
  54. Di Carluccio C. (2016). Sindacato giudiziale e autonomia collettiva nel giudizio di equivalenza delle mansioni dopo la riscrittura dell’art. 2103 cod. civ. In: Iadicicco M.P., Nuzzo V., a cura di, Le riforme del diritto del lavoro. Politiche e tecniche normative. Quaderno DLM, n. 2: 227 ss.
  55. Esposito M. (2010). Ordinamento professionale e disciplina delle mansioni nel lavoro pubblico. In: Carabelli U., Carinci M. T., a cura di, Il lavoro pubblico in Italia. Bari: Cacucci, 167 ss.
  56. Falsone M. (2016). Jus variandi e ruolo della contrattazione collettiva. In: Zilio Grandi G., Gramano E., a cura di, La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 57 ss.
  57. Ferluga L. (2012). Tutela del lavoratore e disciplina delle mansioni. Milano: Giuffrè.
  58. Ferluga L. (2016). La dequalificazione unilaterale nella nuova disciplina delle mansioni. VTDL: 69 ss.
  59. Ferluga L. (2017). Le modifiche unilaterali in pejus nella disciplina delle mansioni. ADL: 25 ss.
  60. Ferrante V. (2004). Potere e autotutela nel contratto di lavoro subordinato. Torino: Giappichelli.
  61. Ferrante V. (2015). Riflessioni a caldo sulla progettata modifica degli artt. 4 e 13 dello “Statu-to”. In: Carinci F., a cura di, La politica del lavoro del Governo Renzi. Adapt Labour Studies e-Book series n. 40, 315 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle. adaptland.it/pluginfile.php/21134/mod_resource/content/2/ebook_vol_40.pdf (consultato il 14.2.2017).
  62. Ferrante V. (2016). Nuova disciplina delle mansioni del lavoratore (art. 3, d.lgs. n. 81/2015). In: Magnani M., Pandolfo A., Varesi P. A., a cura di, I contratti di lavoro. Torino: Giappichelli, 31 ss.
  63. Ferraresi M. (2016). Il giustificato motivo oggettivo di licenziamento. Torino: Giappichelli.
  64. Foglia L. (2016). La nuova disciplina della mobilità endoaziendale. Lo “squilibrio” rovesciato. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 153 ss.
  65. Franza G. (2015). Prime considerazioni e alcuni dubbi di costituzionalità sulla nuova disciplina delle mansioni. MGL: 655 ss.
  66. Freni A., Giugni G. (1971). Lo Statuto dei lavoratori. Milano: Giuffrè.
  67. Gaeta L., a cura di (2005). Costantino Mortati e “il lavoro nella Costituzione”: una rilettura. Milano: Giuffrè.
  68. Galante M. (2016). Lo jus variandi all’epoca del jobs act. In: Santoni F., Ricci M., Santucci R., a cura di, Il diritto del lavoro all’epoca del jobs act. Napoli: ESI, 51 ss.
  69. Galantino L. (1998). Lavoro atipico, formazione professionale e tutela dinamica della professionalità del lavoratore. DRI: 317 ss.
  70. Gargiulo U. (2008). L’equivalenza delle mansioni nel contratto di lavoro. Soveria Mannelli: Rubbettino.
  71. Gargiulo U. (2014). La revisione della disciplina delle mansioni nel Jobs Act. In: Rusciano M., Zoppoli L., a cura di, Jobs Act e contratti di lavoro dopo la legge delega 10 dicembre 2014 n. 183. WP CSDLE “Massimo D’Antona” - Collective Volumes, 3/2014, p. 99 ss. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Jobs-Act-e-contratti-di-lavoro-dopo-la-legge-delega-10-dicembre-2014-n-183/5284.aspx (consultato il 22.2.2017).
  72. Gargiulo U. (2015). Lo jus variandi nel “nuovo” art. 2103 cod. civ. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 268/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/ workingpapers/Lo-jus-variandi-nel-nuovo-art-2103-cod-civ/5436.aspx (consultato il 4.1.2015).
  73. Gargiulo U. (2016). La disciplina delle mansioni nel pubblico impiego. In: Zilio Grandi G., Gramano E., a cura di, La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 169 ss.
  74. Garilli A. (2004). Profili dell’organizzazione e tutela della professionalità nelle pubbliche amministrazioni. DLRI: 101 ss.
  75. Garilli A. (2016). La nuova disciplina delle mansioni tra flessibilità organizzativa e tutela del prestatore di lavoro. DLRI: 129 ss.
  76. Garofalo D. (2004). Formazione e lavoro tra diritto e contratto. Bari: Cacucci.
  77. Ghera E. (2015). Introduzione. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 11 ss.
  78. Ghera F. (2015). Profili di costituzionalità del decreto legislativo n. 81/2015 in materia di riordino delle tipologie contrattuali e di mansioni. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 19 ss.
  79. Giugni G. (1960). Introduzione allo studio della autonomia collettiva. Milano: Giuffrè.
  80. Giugni G. (1963). Mansioni e qualifica nel rapporto di lavoro. Napoli: Jovene.
  81. Giugni G. (1975). Mansioni e qualifica. Enc. dir., XXV, 545 ss.
  82. Giugni G. (1976). Riconversione, mobilità del lavoro, collocamento. RGL, I: 633 ss.
  83. Gragnoli E. (2016). L’oggetto del contratto di lavoro privato e l’equivalenza delle mansioni. VTDL: 3 ss.
  84. Gramano E. (2016). La riforma della disciplina dello jus variandi. In: Zilio Grandi G., Biasi M., a cura di, Commentario breve alla riforma “Jobs Act”. Padova: Cedam, 517 ss.
  85. Grandi M. (1975). Intervento. In: Aa.Vv., Mansioni e qualifiche dei lavoratori: evoluzione e crisi dei criteri tradizionali. Milano: Giuffrè, 140 ss.
  86. Grossi Pier. (2008). La dignità nella Costituzione italiana. D&S: 31 ss.
  87. Guarriello F. (2000). Trasformazioni organizzative e contratto di lavoro: Napoli: Jovene.
  88. Guastini R. (2001). Lezioni di teoria costituzionale. Torino: Giappichelli.
  89. Ianniruberto G. (2016). Il mutamento di mansioni nel d.lgs. n. 81/2015. DML: 29 ss.
  90. Lambertucci P. (2016). I poteri del datore di lavoro nello Statuto dei lavoratori dopo l’attuazione del c.d. jobs act del 2015: primi spunti di riflessione. ADL: 514 ss.
  91. Lanotte M. (2012). Mobilità professionale e progressioni di carriera nel lavoro pubblico privatizzato. Torino: Giappichelli.
  92. Leone G. (2015). La nuova disciplina delle mansioni: il sacrificio della professionalità “a misura d’uomo”?. LG: 1101 ss.
  93. Liso F. (1982). La mobilità del lavoratore in azienda: il quadro legale. Milano: Franco An-geli.
  94. Liso F. (1987). L’incidenza delle trasformazioni produttive. QDLRI: 53 ss.
  95. Liso F. (2015). Brevi osservazioni sulla revisione della disciplina delle mansioni contenuta nel decreto legislativo n. 81/2015 e su alcune recenti tendenze di politica legislativa in materia di rapporto di lavoro. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 257/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Brevi-osservazioni-sulla-revisione-della-disciplina-delle-mansioni-contenuta-nel-decreto-legislativo/5416.aspx (consultato il 20 febbraio 2017).
  96. Loffredo A. (2012). Diritto alla formazione e lavoro. Realtà e retorica. Cacucci: Bari.
  97. Loy G. (2003). La professionalità. RGL, I: 763 ss.
  98. Luciani M. (2016). Interpretazione conforme a costituzione. Enc. dir., Annali, IX, 391 ss.
  99. Magnani M. (2004). Organizzazione del lavoro e professionalità tra rapporti e mercato del lavoro. DLRI: 165 ss.
  100. Magnani M. (2013). Il Giudice e la legge. RIDL, I: 777 ss.
  101. Magrini S. (2015). Rivoluzioni silenziose nella giurisprudenza della Corte di Cassazione (in tema di demansionamento e di licenziamento per malattia). ADL: 143 ss.
  102. Mainardi S. (2017). Le relazioni collettive nel “nuovo” diritto del lavoro. In: Aa.Vv., Legge e contrattazione collettiva nel diritto del lavoro post-statutario. Milano: Giuffrè, 181 ss.
  103. Marazza M. (2002). Saggio sull’organizzazione del lavoro. Padova: Cedam.
  104. Mazziotti di Celso M. (1973). Lavoro (dir. cost.). Enc. dir., XXIII, 338 ss.
  105. Mazzotta O. (2007). Mansioni, professionalità e organizzazione nel lavoro pubblico. In: Esposito M., a cura di, Mansioni e professionalità nel pubblico impiego tra efficienza organizzativa e diligenza del prestatore di lavoro. Napoli: Jovene: 7 ss.
  106. Menegotti M., Tiraboschi M. (2016). La disciplina delle mansioni. In: Tiraboschi M., a cura di., Le nuove regole del lavoro dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 91 ss.
  107. Mengoni L. (1965). Il contratto di lavoro nel diritto italiano. In: Aa.Vv., Il contratto di lavoro nel diritto dei Paesi membri della C.E.C.A. Milano: Giuffrè, 407 ss.
  108. Mengoni L. (1987). La cornice legale. QDLRI: 41 ss.
  109. Miscione M. (2015). Jobs Act: le mansioni e la loro modificazione. LG: 437 ss.
  110. Morelli M.R. (2016). La dignità della persona tra inviolabilità dei diritti fondamentali e dovere di solidarietà, nel quadro del pluralismo delle fonti nazionali e sovranazionali. SU, n. 1-2: 103 ss.
  111. Morrone A. (2008). Bilanciamento (giustizia cost.). Enc. dir., Annali, II-2, 185 ss.
  112. Mortati C. (1954). Il lavoro nella Costituzione. DL, I: 149 ss.
  113. Napoli M. (1997). Disciplina del mercato del lavoro ed esigenze formative. RGL, I: 263 ss.
  114. Natoli U. (1956). Sicurezza, libertà, dignità del lavoratore nell’impresa. DL, I: 3 ss.
  115. Nogler L. (2008). La disciplina dei licenziamenti individuali nell’epoca del bilanciamento tra i «principi» costituzionali. In: Aa.Vv., Disciplina dei licenziamenti e mercato del lavoro. Milano: Giuffrè, 5 ss.
  116. Nogler L. (2016). La subordinazione nel d.lgs. n. 81 del 2015: alla ricerca dell’«autorità del punto di vista giuridico». ADL: 47 ss.
  117. Nunin R. (2012). La classificazione dei lavoratori subordinati in categorie e l’inquadramento unico. In: Martone M., a cura di, Contratto di lavoro e organizzazione. Padova: Cedam, vol. IV, t. I, 471 ss.
  118. Nuzzo V. (2012). La norma oltre la legge. Napoli: Satura editrice.
  119. Nuzzo V. (2015). Il nuovo art. 2103 c.c. e la (non più necessaria) equivalenza professionale delle mansioni. RIDL, II: 1047 ss.
  120. Pantano F. (2012). Il rendimento e la valutazione del lavoratore subordinato nell’impresa. Padova: Cedam.
  121. Pantano F. (2016). Le modifiche consensuali dell’oggetto del contratto e la tutela della pro-fessionalità. In: Zilio Grandi G., Gramano E., a cura di, La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 85 ss.
  122. Paolitto L. (2015). La nuova nozione di equivalenza delle mansioni. La mobilità verso il basso: condizioni e limiti. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 155 ss.
  123. Pascucci P. (2013). La salvaguardia dell’occupazione nel decreto “salva Ilva”. Diritto alla salute vs diritto al lavoro?. WPO, n. 27.
  124. Pera G. (1983). Libertà e dignità dei lavoratori. NDI, App. IV, 896 ss.
  125. Perina L. (2016). La tutela della professionalità nel nuovo art. 2103 del codice civile. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 79 ss.
  126. Persiani M. (1971). Prime osservazioni sulla nuova disciplina delle mansioni e dei trasferimenti dei lavoratori. DL, I: 11 ss.
  127. Persiani M. (2012). Lineamenti del potere direttivo. In: Martone M., a cura di, Contratto di lavoro e organizzazione. Padova: Cedam, vol. IV, t. I, 401 ss.
  128. Perulli A. (2015). Il controllo giudiziale dei poteri dell’imprenditore tra evoluzione legislativa e diritto vivente. RIDL, I: 83 ss.
  129. Perulli A. (2016). Le modifiche al contratto di lavoro. In: Carinci F., a cura di, Jobs Act: un primo bilancio. Adapt Labour Studies e-Book series n. 54, p. 27 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/26830/mod_resource/content/1/ebook_vol_54.pdf (consultato il 20.2.2017).
  130. Pessi R. (1989). Contributo allo studio della fattispecie lavoro subordinato. Milano: Giuffrè.
  131. Pessi R. (2014). Ordinamento statuale e ordinamento intersindacale: promozione o regolazione?. RIDL, I: 3 ss.
  132. Piccinini I. (2016). Mansioni e autonomia negoziale. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 7 ss.
  133. Pileggi A. (2016). L’assegnazione a mansioni inferiori. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 61 ss.
  134. Pinto V. (2016). La flessibilità funzionale e i poteri del datore di lavoro. Prime considerazioni sui decreti attuativi del Jobs Act e sul lavoro agile. RGL, I: 345 ss.
  135. Pisani C. (1996). La modificazione delle mansioni. Milano: Franco Angeli.
  136. Pisani C. (2009). Mansioni e trasferimento nel lavoro privato e pubblico. Torino: Utet.
  137. Pisani C. (2015). La nuova disciplina del mutamento delle mansioni. Torino: Giappichelli.
  138. Pisani C. (2016a). Lo jus variandi, la scomparsa dell’equivalenza, il ruolo dell’autonomia collettiva e la centralità della formazione nel nuovo art. 2103. ADL: 1114 ss.
  139. Pisani C. (2016b). L’ambito del repêchage alla luce del nuovo art. 2103 Cod. Civ. ADL: 537 ss.
  140. Pisani C. (2016c). Dall’equivalenza all’inquadramento: i nuovi limiti ai mutamenti “orizzontali” delle mansioni. DLRI: 149 ss.
  141. Pisani C. (2016d). I nostalgici dell’equivalenza delle mansioni. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 310/2016. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/I-nostalgici-dellequivalenza-delle-mansioni/5543.aspx (consultato il 28.2.2107).
  142. Pisani F. (2016). Sottrazione di mansioni tra vecchio e nuovo art. 2103 c.c. MGL: 862 ss.
  143. Pizzoferrato A. (2016). L’autonomia collettiva nel nuovo diritto del lavoro. In: Aa.Vv., La-voro, diritti fondamentali e vincoli economico-finanziari nell’ordinamento multilivello. Milano: Giuffrè, 159 ss.
  144. Raffi A. (2016). Ideologia e regole nella nuova disciplina del mutamento di mansioni. RGL, I: 845 ss.
  145. Rescigno P. (1990). Personalità (diritti della). Enc. giur. Treccani, XXIII, 1 ss.
  146. Ricci M. (2016). Brevissime note sui recenti provvedimenti legislativi sulle politiche del lavoro. In: Carinci F., a cura di, Jobs Act: un primo bilancio. Adapt Labour Studies e-Book series n. 54, 18 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/26830/mod_resource/content/1/ebook_vol_54.pdf (consultato il 20.2.2017).
  147. Riccobono A. (2014a). Mansioni esigibili ed equivalenza professionale nel lavoro pubblico e privato: un’ipotesi di «cross fertilization» tra modelli regolativi della mobilità introaziendale?. ADL: 993 ss.
  148. Riccobono A. (2014b). Ancora sull’equivalenza delle mansioni nel lavoro pubblico e privato: interferenze reciproche e circolazione dei modelli regolativi nella più recente evoluzione normativa. ADL: 1341 ss.
  149. Riva Sanseverino L. (1973). Il lavoro nell’impresa. In: Vassalli F., diretto da, Trattato di diritto civile italiano. Torino: Utet, vol. XI, t. I.
  150. Romagnoli U. (1972). Art. 13. In: Ghezzi G., Mancini G.F., Montuschi L., Romagnoli U., Statuto dei diritti dei lavoratori. Bologna: Zanichelli, 174 ss.
  151. Romagnoli U. (1979). Art. 13. In: Ghezzi G., Mancini G.F., Montuschi L., Romagnoli U., Statuto dei diritti dei lavoratori. Bologna-Roma: Zanichelli-Soc. ed. del Foro italiano, 217 ss.
  152. Romagnoli U. (2015). Controcorrente. LD: 3 ss.
  153. Santoni F. (2014). La revisione della disciplina dei rapporti di lavoro. In: Carinci F., a cura di, La politica del lavoro del Governo Renzi Atto II. Adapt Labour Studies e-Book series n. 32, 116 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/19640/mod_resource/content/8/ebook_vol_32.pdf (consultato il 14.2.2017).
  154. Santoro Passarelli G. (2016). Appunti sulla funzione delle categorie civilistiche nel diritto del lavoro dopo il Jobs Act. RDC: 27 ss.
  155. Saracino M. (2015). Le mansioni superiori. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 187 ss.
  156. Sartori A. (2015). Mansioni e inquadramenti: il ruolo della contrattazione collettiva prima e dopo il Jobs Act. ADL: 1356 ss.
  157. Scarano L. (2015). Legge e autonomia privata ai tempi del Jobs Act. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 91 ss.
  158. Scarpelli F. (1997). Professionalità e nuovi modelli di organizzazione del lavoro: le mansioni. In: Aa.Vv., Qualità totale e diritto del lavoro. Milano: Giuffrè, 263 ss.
  159. Scognamiglio R. (1975). Mansioni e qualifiche dei lavoratori: evoluzione e crisi dei criteri tradizionali. In: Aa.Vv., Mansioni e qualifiche dei lavoratori: evoluzione e crisi dei criteri tradizionali. Milano: Giuffrè, 15 ss.
  160. Sgarbi L. (2004). Mansioni e inquadramento dei dipendenti pubblici. Padova: Cedam.
  161. Sitzia A. (2016). La (in)certezza del diritto nel “Jobs Act” all’italiana: mansioni e volontà individuale assistita. LG: 845 ss.
  162. Sordi P. (2016). Il nuovo art. 2103 e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 127 ss.
  163. Speziale V. (2014). Le politiche del lavoro del Governo Renzi: il Jobs Act e la riforma dei contratti e di altre discipline del rapporto di lavoro. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 233/2014. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Le-politiche-del-lavoro-del-Governo-Renzi-il-Jobs-Act-e-la-riforma-dei-contratti-e-di-altre-discipli/5254.aspx (consultato il 15.12.2014).
  164. Speziale V. (2015). Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti tra law and economics e vincoli costituzionali. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 259/2015. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Il-contratto-a-tempo-indeterminato-a-tutele-crescenti-tra-law-and-economics-e-vincoli-costituzionali/5419.aspx (consultato il 14.2.2017).
  165. Speziale V. (2017). La mutazione genetica del diritto del lavoro. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 322/2017. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/ wor-kingpapers/La-mutazione-genetica-del-diritto-del-lavoro/5611.aspx (consultato il 13.4.2017).
  166. Suppiej G. (1972). Il potere direttivo dell’imprenditore e i limiti derivanti dallo Statuto dei lavoratori. In: Aa.Vv., I poteri dell’imprenditore e i limiti derivanti dallo Statuto dei la-voratori. Milano: Giuffrè, 23 ss.
  167. Suppiej G. (1975). Art. 13. In: Commentario dello Statuto dei lavoratori. Milano: Giuffrè, t. I, 334 ss.
  168. Tampieri A. (2016). L’accordo individuale di dequalificazione. VTDL: 107 ss.
  169. Tani L. (2016). L’obbligo di formazione. In: Zilio Grandi G., Gramano E., a cura di, La disciplina delle mansioni prima e dopo il Jobs Act. Milano: Giuffrè, 133 ss.
  170. Tiraboschi M. (2015). Prima lettura del d.lgs. n. 81/2015 recante la disciplina organica dei contratti di lavoro. Adapt Labour Studies e-Book series n. 45. Testo disponibile al sito:https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/22565/mod_resource/content/4/ebook_vol_45.pdf (consultato il 6 luglio 2015).
  171. Tiraboschi M. (2017). Contrattazione aziendale anti Jobs Act?. GL-Contratti & contrattazione collettiva, n. 5: 4 ss.
  172. Treu T. (1972). Statuto dei lavoratori e organizzazione del lavoro. RTDPC: 1027 ss.
  173. Treu T. (2016). Le riforme del lavoro: una retrospettiva per analizzare il Jobs Act. In: Carinci F., a cura di, Jobs Act: un primo bilancio. Adapt Labour Studies e-Book series n. 54, 3 ss. Testo disponibile al sito: https://moodle.adaptland.it/pluginfile.php/ 26830/mod_ resource/content/1/ebook_vol_54.pdf (consultato il 20.2.2017).
  174. Tullini P. (2016). Effettività dei diritti fondamentali del lavoratore: attuazione, applicazione, tutela. DLRI: 291 ss.
  175. Tursi A. (2016). «Codice dei lavori» e autonomia collettiva. In: Magnani M., Pandolfo A., Varesi P.A., a cura di, I contratti di lavoro. Torino: Giappichelli, 297.
  176. Vallauri M.L. (2010). L’argomento della “dignità umana” nella giurisprudenza in materia di danno alla persona del lavoratore. DLRI: 659 ss.
  177. Vallebona A. (2016). Dubbi di costituzionalità per la nuova disciplina del mutamento di mansioni. MGL: 6 ss.
  178. Vallebona A. (2017). Breve replica. MGL: 289.
  179. Varva S. (2015). Il licenziamento economico. Torino: Giappichelli.
  180. Vidiri G. (2014). Clausole generali e certezza del diritto nei rapporti di lavoro e nelle relazioni sindacali. MGL: 632 ss.
  181. Vidiri G. (2016). La disciplina delle mansioni nel jobs act: una (altra) riforma mal riuscita. ADL: 465 ss.
  182. Vincenti E. (2016). Il danno non patrimoniale da demansionamento nell’ambito del sottosistema della responsabilità civile: riflessioni a margine dei più recenti orientamenti giurisprudenziali di legittimità. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 105 ss.
  183. Viscomi A. (2013). Il pubblico impiego: evoluzione normativa e orientamenti giurisprudenziali. DLRI: 53 ss.
  184. Visonà S. (2016). Breve cronistoria dell’intervento del Jobs Act in materia di mansioni e considerazioni sulla nuova mobilità orizzontale. In: Piccinini I., Pileggi A., Sordi P., a cura di, La nuova disciplina delle mansioni dopo il jobs act. Roma: Iuridica Edizioni Distribuzioni, 51 ss.
  185. Voza R. (2007). L’autonomia individuale assistita nel diritto del lavoro. Bari: Cacucci.
  186. Voza R. (2015). Autonomia privata e norma inderogabile nella nuova disciplina del muta-mento di mansioni. In: Ghera E., Garofalo D., a cura di, Contratti di lavoro, mansioni e misure di conciliazione vita-lavoro nel Jobs Act 2. Bari: Cacucci, 199 ss.
  187. Zagrebelsky G. (1992). Il diritto mite. Torino: Einaudi.
  188. Zoli C. (2012). Mobilità del lavoro. Enc. dir, Annali, V, 855 ss.
  189. Zoli C. (2014). Il controllo giudiziario e gli atti di esercizio del potere direttivo: il trasferimento del lavoratore e il mutamento delle mansioni. DRI: 709 ss.
  190. Zoli C. (2015). La disciplina delle mansioni. In: Fiorillo L., Perulli A., a cura di, Tipologie contrattuali e disciplina delle mansioni. Torino: Giappichelli, 333 ss.
  191. Zoppoli A. (2014). Jobs Act e formante sindacale: quale ruolo per quale contrattazione collettiva?. In: Rusciano M., Zoppoli L., a cura di, Jobs Act e contratti di lavoro dopo la legge delega 10 dicembre 2014 n. 183. WP CSDLE “Massimo D’Antona” - Collective Volumes, 3/2014, p. 25 ss. Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Jobs-Act-e-contratti-di-lavoro-dopo-la-legge-delega-10-dicembre-2014-n-183/5284.aspx (consultato il 22.2.2017).
  192. Zoppoli L. (2015). Le fonti (dopo il Jobs Act): autonomia ed eteronomia a confronto. WP CSDLE “Massimo D’Antona”.IT, 284/2015: Testo disponibile al sito: http://csdle.lex.unict.it/docs/workingpapers/Le-fonti-dopo-il-Jobs-Act-autonomia-ed-eteronomia-a-confronto/5467.aspx (consultato il 21.12.2015).

Chiara Lazzari, The protection of the worker’s professional dignity in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 156/2017, pp. 663-707, DOI:10.3280/GDL2017-156002

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content