La Volunteer Motivation Scale per la misura della motivazione autonoma al volontariato: analisi preliminari

Titolo Rivista PSICOLOGIA DI COMUNITA’
Autori/Curatori Anna Maria Meneghini
Anno di pubblicazione 2013 Fascicolo 2013/1 Lingua Italiano
Numero pagine 12 P. 87-98 Dimensione file 976 KB
DOI 10.3280/PSC2013-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Molte ricerche relative alla motivazione dei volontari si sono focalizzate sulle diverse funzioni motivazionali che il volontariato assolve; minor attenzione è stata dedicata al grado di autonomia della motivazione dei volontari. Facendo riferimento alla Self Determination Theory, Millette e Gagnè (2008) hanno creato la Volunteer Motivation Scale: si tratta di uno strumento self-report che rileva il livello di autonomia versus regolazione esterna della motivazione dei volontari. Poiché in lingua italiana sembra mancare uno strumento di questo tipo, la presente ricerca mostra i primi risultati scaturiti dalla somministrazione della traduzione italiana della scala di Millette e Gagnè ad un gruppo di 247 volontari.;

Keywords:Volontariato, regolazione della motivazione, motivazione autonoma, Self Determination Theory, Relative Autonomy Index, soddisfazione.

  1. Barbaranelli C., Bortone I. e Di Matteo F. (2010). La misura della soddisfazione lavorativa: Contributo empirico. Giornale Italiano di Psicologia, XXXVII, 1, 159-180. DOI: 10.1421/3217
  2. Batson C.D. e Oleson K.C. (1991). Current status of the empathy-altruism hypothesis. In: Clark M.S. (Ed.). Prosocial behavior, Newbury Park, CA: Sage, pp. 62-85.
  3. Capanna C., Steca P. e Imbimbo A. (2002). Una scala per la misura della motivazione al volontariato. Rassegna di Psicologia, XIX, 1, 73-90.
  4. Colozzi I. e Bassi A. (1995). Una solidarietà efficiente. Il terzo settore e le organizzazioni di volontariato. Roma: La Nuova Italia Scientifica.
  5. Deci E.L. e Ryan R.M. (1985). Intrinsic Motivation and Self-determination in Human Behavior. New York: Plenum Press.
  6. DeVellis R.F. (1991). Scale Development: theory and applications (Applied Social Research Methods Series, Vol. 26). Newbury Park: Sage.
  7. Dovidio J.F., Piliavin J.A., Gaertner S.L., Schroeder D.A. e Clark R.D. (1991). The arousal: cost-reward model and the process of intervention. In: Clark M.S. (Ed.). Prosocial Behavior. Newbury Park, CA: Sage, pp. 86-118.
  8. Dubinsky A.J. e Hartley S.W. (1986). A path analytic study of a model of salesperson performance. Journal of the Academy of Marketing Science, 14, 36-46.
  9. Finkelstein M.A., Penner L.A. e Brannick M.T. (2005). Motive, role identity, and prosocial personality as predictors of volunteer activity. Social Behavior and Personality, 33, 403-418. DOI: 10.2224/sbp.2005.33.4.40
  10. Francescato D., Tomai M. e Ghirelli G. (2002). Fondamenti di psicologia di comunità. Roma: Carocci.
  11. Frisanco R. (a cura di) (2006). Volontariato sotto la lente: lo scenario del volontariato organizzato alla luce della quarta rilevazione FIVOL 2006, testo disponibile al sito: http://www.fondazioneroma-terzosettore.it/documenti/REPORTODFINALEODVITALIA2006.pdf
  12. Gagnè M. (2003). The role of autonomy support and autonomy orientation in the engagement of prosocial behavior. Motivation and Emotion, 27, 199-223.
  13. Gagnè M. e Deci E.L. (2005). Self-determination theory and work motivation. Journal of Organizational Behavior, 26, 4, 331-362. DOI: 10.1002/job.32
  14. Galletta M., Battistelli A. e Portoghese I. (2011). Validazione della Scala di Motivazione al Lavoro (MAWS) nel contesto italiano: evidenza di un modello a tre fattori. Risorsa Uomo, 16, 2, 201-217.
  15. Grube J. e Piliavin J.A. (2000). Role-identity, organizational experiences, and volunteer performance, Personality and Social Psychology Bulletin, 26, 1108-1119. DOI: 10.1177/0146167200261100
  16. Hackman J.R. e Oldham G.R. (1975). Development of the Job Diagnostic Survey. Journal of Applied Psychology, 60, 413-436.
  17. Marta E. e Pozzi M. (2003), Le motivazioni all’azione volontaria: la ricomposizio- e volontariato. Itinerari di costruzione dell’identità personale e sociale. Milano: Edizioni Unicopli, pp. 173-192.
  18. Meneghini A.M. e Carbognin C. (2008). Perché mi impegno nel volontariato: le motivazioni dei volontari. Psicologia di Comunità, 2, 93-105.
  19. Millette V. e Gagné M. (2008). Designing volunteers’ tasks to maximize motivation, satisfaction and performance: The impact of job characteristics on volunteer engagement. Motivation and Emotion, 32, 11-22. DOI: 10.1007/s11031-007-9079-
  20. Omoto A.M. e Snyder M. (1995). Sustained helping without obligation: Motivation, longevity of service, and perceived attitude change among AIDS volunteers. Journal of Personality and Social Psychology, 68, 671-686.
  21. Penner L.A. (2002). The Causes of Sustained Volunteerism: An Interactionist Perspective. Journal of Social Issues, 58, 447-468, testo disponbile al sito: http://www.med.wayne.edu/fam/faculty/pdfs/Penner%20and%20Orom%20Enduring%20Goodnessfinaledit_jan13.pdf
  22. Ryan R.M. e Connell J.P. (1989). Perceived locus of causality and internalization: Examining reasons for acting in two domains. Journal of Personality and Social Psychology, 57, 749-761. DOI: 10.1037/0022-3514.57.5.74
  23. Ryan R.M. e Deci E.L. (2000). Self-determination theory and the facilitation of intrinsic motivation, social development, and well-being. American Psychologist, 55, 68-78. DOI: 10.1037/0003-066X.55.1.6
  24. Scabini E. (2003), Orientamenti motivazionali e dinamiche identitarie nell’azione di volontariato: un’analisi dei modelli psicosociali. In Bocaccin L. e Marta E. (a cura di). Giovani-adulti, famiglia e volontariato. Itinerari di costruzione dell’identità personale e sociale. Milano: Edizioni Unicopli, pp. 151- 172.
  25. Snyder M. e Omoto A.M. (2009). Who gets involved and why? The psychology of volunteerism, testo disponibile al sito: http://www.eurospanbookstore.com /pdf/extracts/9789629371371.pdf

  • Volunteer Motivation and Organizational Climate: Factors that Promote Satisfaction and Sustained Volunteerism in NPOs Alessio Nencini, Diego Romaioli, Anna Maria Meneghini, in VOLUNTAS: International Journal of Voluntary and Nonprofit Organizations /2016 pp.618
    DOI: 10.1007/s11266-015-9593-z

Anna Maria Meneghini, La Volunteer Motivation Scale per la misura della motivazione autonoma al volontariato: analisi preliminari in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 1/2013, pp 87-98, DOI: 10.3280/PSC2013-001008