Contrastare la povertà educativa nei territori in emergenza

Nicoletta Di Genova, Carla Iorio

Contrastare la povertà educativa nei territori in emergenza

L’esperienza del progetto “Solo Posti in piedi. Educare oltre i banchi” all’Aquila

Il volume affronta i temi connessi al fenomeno della povertà educativa nei territori in emergenza e in post-emergenza, attraverso la ricostruzione del quadro teorico di riferimento e la documentazione dell’esperienza del progetto SPINP “Solo Posti in Piedi. Educare oltre i banchi”, realizzato nella città dell’Aquila a 10 anni dal sisma del 2009. La riflessione proposta prende in considerazione povertà educativa ed emergenze come esperienze “liquide” e interconnesse e si basa su una ricerca che ha interrogato sistematicamente una pluralità di fattori e dimensioni.

Pagine: 240

ISBN: 9788835143697

Edizione:1a edizione 2022

Codice editore: 10940.4

Informazioni sugli open access

Il volume affronta i temi connessi al fenomeno della povertà educativa nei territori in emergenza e in post-emergenza, attraverso la ricostruzione del quadro teorico di riferimento e la documentazione dell'esperienza del progetto SPINP "Solo Posti in Piedi.
Educare oltre i banchi", realizzato nella città dell'Aquila a 10 anni dal sisma del 2009. La riflessione proposta prende in considerazione povertà educativa ed emergenze come esperienze "liquide" e interconnesse e si basa su una ricerca che ha interrogato sistematicamente una pluralità di fattori e dimensioni.
Le autrici avviano un dialogo educativo multidisciplinare in cui il sapere psicologico e pedagogico si incontrano secondo un disegno progettuale condiviso che sottolinea il fine emancipativo dell'educazione, riferendosi ad una "educazione resistente e critica", non solo "resiliente"; con lo sguardo rivolto alla persona, alla comunità, ma anche alle dinamiche sociali ed economiche generate da contesti di fragilità e di post emergenza. Il testo, dal carattere teorico-operativo propone un modello progettuale trasferibile per affrontare le emergenze educative nei territori.
Per questo motivo si rivolge a tutti quegli attori coinvolti nei processi di contrasto alla povertà educativa nei contesti di fragilità e di post emergenza (studenti, insegnanti, pedagogisti, educatori, psicologi, dirigenti scolastici, operatori socio-culturali).

Nicoletta Di Genova è dottoranda in Psicologia dello sviluppo e Ricerca educativa presso Sapienza Università di Roma. È laureata in Progettazione e Gestione dei servizi e degli interventi sociali ed educativi presso l'Università degli Studi dell'Aquila. Si occupa di povertà educativa, benessere e resilienza nei contesti di fragilità sociale e territoriale, con particolare riferimento alle situazioni emergenziali e post-emergenziali.

Carla Iorio, PhD in Neuroscienze, è psicologa, psicoterapeuta, specializzata in terapia EMDR e Disturbo Post Traumatico da Stress. Si occupa della formazione agli insegnanti e agli operatori in emergenza e conduce gruppi di sostegno psicoeducativo per una genitorialità resiliente durante le emergenze.

Alessandro Vaccarelli, Prefazione
Cecilia Cruciani, Stefania Ziglio, Introduzione: Solo Posti in Piedi. Educare oltre i banchi
Povertà educativa: un problema vecchio con un vestito nuovo
(Uno sguardo al dibattito pedagogico; Alcune linee di interpretazione del fenomeno della povertà educativa; Dietro la povertà educativa: lo scenario attuale, le definizioni e alcune parole chiave per comprendere meglio il fenomeno; Il contrasto alla povertà educativa: il ruolo della comunità educante tra educazione formale, informale e non formale)
Non una ma tante emergenze: dalla catastrofe alla povertà educativa
(Quale emergenza al tempo delle emergenze; Povertà educativa ed emergenze: un approccio sistemico)
Il trauma in emergenza: uno sguardo multidisciplinare tra psicologia, neuroscienze e pedagogia
(Dal trauma al Disturbo da Stress Post-Traumatico; Stress e memoria traumatica: il contributo delle neuroscienze; La gestione psicopedagogica dello stress e del trauma a scuola)
Il monitoraggio del progetto "Solo Posti In Piedi. Educare oltre i banchi": la ricerca
(Il contesto: il caso dell'Aquila Il progetto "SPINP"; Il disegno di ricerca di monitoraggio. Ri-progettare l'azione di ricerca educativa per fronteggiare le emergenze)
Il primo studio sul contrasto alla povertà educativa a L'Aquila
(Introduzione e scopo del lavoro; Metodologia di lavoro; Analisi dei dati; Conclusioni)
Avviare dialoghi e narrazioni intorno alle povertà educative: i protagonisti del progetto SPINP si raccontano
(Comprendere la povertà educativa a partire dalle esperienze dei professionisti: un approccio fenomenologico; Le interviste ai testimoni privilegiati: il disegno della ricerca; Analisi del contenuto; I risultati della ricerca e i temi emergenti)
Sostenere gli operatori per contrastare la povertà educativa
(Il lavoro d'équipe multidisciplinare; La supervisione come spazio intermedio mediatore di pensiero; Metodologia di lavoro delle supervisioni; Analisi dei contenuti emersi; "Nel silenzio degli eroi": viaggio tra le emozioni degli operatori SPINP)
Riflessioni conclusive: dai micro ai macro contesti nella direzione dell'equità
(Il gruppo come tessitore di resilienza: quando gli individui danno forma alla comunità; Dalla comunità alla comunità educante: l'emergenza come occasione di cambiamento)
Riferimenti bibliografici
Appendice e strumenti di ricerca
(Allegato 1: Lettera di accompagnamento; Allegato 2: Questionario alunne e alunni; Allegato 3: Questionario genitori; Allegato 4: Questionario insegnanti; Allegato 5: Scheda supervisioni).

Contributi: Cecilia Cruciani, Alessandro Vaccarelli, Stefania Ziglio

Collana: I territori dell'educazione - Open Access

Argomenti: Didattica, scienze della formazione

Potrebbero interessarti anche