L'evoluzione dialettica della psicologia tramite il riequilibrio delle sue antinomie

Titolo Rivista: RASSEGNA DI PSICOLOGIA
Autori/Curatori: William J. McGuire
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 15 P. Dimensione file: 40 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La psicologia, come altri campi complessi, possiede delle antinomie che deve risolvere raggiungendo un equilibrio che sfrutti i benefici delle componenti reciprocamente contrarie di ciascuna antinomia. Il progresso della disciplina richiede un periodico riequilibrio delle antinomie di base, al fine di utilizzare al meglio le componenti attualmente trascurate. Tra le antinomie presenti in psicologia, che attualmente necessitano di un riequilibrio, ne identifichiamo cinque, relative alla selezione dei problemi da studiare (p. es. la necessità di uno spostamento dalla deduzione all’induzione) e cinque, relative a come gli psicologi indagano su questi problemi (p. es. la necessità di uno spostamento dello sforzo dalla dimensione tattica a quella strategica). Effettuare questi spostamenti porterà probabilmente a delle ipercorrezioni che i futuri ricercatori dovranno a loro volta riequilibrare.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

William J. McGuire, L'evoluzione dialettica della psicologia tramite il riequilibrio delle sue antinomie in "RASSEGNA DI PSICOLOGIA" 3/2000, pp , DOI: