Un gruppo a breve termine e un gruppo a lungo termine in un Centro Antiviolenza: due esperienze di lavoro a confronto

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Valeria Gritti, Lisa Schon
Anno di pubblicazione: 2001 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. Dimensione file: 34 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel presente lavoro vengono illustrate due esperienze di conduzione: un gruppo di auto-aiuto a lungo termine e uno a breve termine con donne che si sono rivolte ad un Centro Antiviolenza in cerca di aiuto. Si analizzano l’utilità e i limiti dei due formati e le difficoltà incontrate dalle autrici nella conduzione. Il lavoro si divide in quattro parti: una breve introduzione sui gruppi terapeutici femminili; una parte dedicata alla descrizione del contesto in cui l’esperienza ha avuto luogo e al tipo di donne che si rivolgono ad un Centro Antiviolenza; una parte in cui verranno descritte le due esperienze di gruppo; una parte conclusiva di confronto tra le due esperienze. Una differenza evidente tra i due gruppi riguarda il livello di coesione iniziale: molto bassa nel gruppo a breve termine, subito elevata nel gruppo a lungo termine. Vengono poi esaminate alcune somiglianze: lo sviluppo di un transfert svalutativo nei confronti delle terapeute, che suscita nelle conduttrici sentimenti di confusione, depressione e inadeguatezza; la difficoltà ad affrontare i conflitti sorti all’interno del gruppo; lo sviluppo di identificazioni reciproche tra i membri in quanto vittime per evitare la separazione e l’individuazione. Le conduttrici devono essere in grado di tollerare le proprie imperfezioni e i propri limiti di terapeute e devono fare fronte ai sentimenti controtransferali di ostilità. I due formati potrebbero favorire l’espressione della stessa patologia relazionale in tempi e modalità diverse. Parole chiave: gruppi femminili, violenza, trauma.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Valeria Gritti, Lisa Schon, Un gruppo a breve termine e un gruppo a lungo termine in un Centro Antiviolenza: due esperienze di lavoro a confronto in "GRUPPI" 1/2001, pp , DOI: