Clicca qui per scaricare

La mediazione culturale: il punto sulla situazione in Italia
Titolo Rivista: AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI 
Autori/Curatori: Simona Tradardi 
Anno di pubblicazione:  2001 Fascicolo: 1 Estratti dalla Prima Conferenza degli Italiani nel Mondo (Roma 11-15 dicembre 2000) Lingua: Italiano 
Numero pagine:  4 Dimensione file:  31 KB

Nonostante la persistenza degli stereotipi sugli immigrati extracomunitari, il fenomeno delle migrazioni sta trasformando l’Italia in un paese multiculturale, per cui conoscere l’altro costituisce un compito fondamentale per poter realizzare una pacifica convivenza tra le varie componenti della società. La nuova normativa sull’immigrazione (legge 40/1998) inquadra la mediazione culturale come una dimensione costante delle politiche di integrazione sociale al fine di favorire il reciproco incontro e adattamento. La mediazione, così intesa, non serve solo per facilitare l’accesso ai servizi pubblici ma anche per un vero e proprio raccordo tra le culture. Su questo versante sono state condotte esperienze significative in varie città italiane in diversi ambiti (uffici pubblici, scuola, sanità ecc.). Molte sono le problematiche da risolvere in merito alla figura professionale, che deve essere il supporto di questa nuova azione, e cioè il mediatore interculturale: attualmente viene diversamente interpretata nei diversi contesti territoriale e perciò sono necessarie ulteriori precisioni per rendere il suo apporto più incisivo.


Simona Tradardi, in "AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI" 1/2001, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche