Ermeneutica psico(pato)logica di un testo filmico: il Doppio negli Inseparabili di D. Cronenberg

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Alessandro Aronadio
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. Dimensione file: 79 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Inseparabili, l’opera cinematografica del regista canadese David Cronenberg, considerata unanimemente uno dei suoi capolavori, è certamente tra i film (se non il film) che più (e meglio) di tanti altri ha trattato un tema antico e complesso quale quello del Doppio. In realtà si può senza dubbio ritenere Inseparabili una vera e propria summa (e non solo cinematografica) di ogni altra opera sul Doppio: in essa confluiscono la tradizione europea (soprattutto letteraria) del Doppelgänger; tracce della tradizione cinematografica sullo stesso tema (epurata da qualsiasi accenno a una qualche semplicistica impronta hollywoodiana); interessanti elementi in comune col pensiero di molti studiosi del funzionamento della psiche (Freud, Jung e Lacan, primi fra tutti) che nelle loro trattazioni si sono occupati di questo argomento; il tema dei gemelli (i protagonisti, Beverly ed Elliott Mantle, sono due gemelli omozigoti ginecologi); il tutto, inquinato dall’impronta cronenberghiana, in merito alla sua personale rappresentazione del mind-body problem e dei processi di trasformazione psicotici. Dimostrando fin dall’inizio una perturbante attitudine sessuofobica, i due gemelli protagonisti, imprigionati all’interno di un’eterna, ineluttabile dimensione narcisistica (simbiotica, fusionale), cercano in ogni modo di poter preservare la loro unità (simbiotica, appunto) di corpi-identici. L’ingresso di Claire, una paziente sterile, nella vita dei due, con annesso innamoramento da parte di Beverly, provocherà una seria, insanabile frattura all’interno dell’(apparentemente) omeostatico universo-Mantle, che porterà i due a percorrere (insieme, per l’ultima volta) una fatale escalation psicotica-tossicomanic

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Alessandro Aronadio, Ermeneutica psico(pato)logica di un testo filmico: il Doppio negli Inseparabili di D. Cronenberg in "GRUPPI" 1/2002, pp , DOI: