Clicca qui per scaricare

Immigrazione cinese: flussi e insediamento in Italia e in Europa
Titolo Rivista: AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI 
Autori/Curatori: Sabrina Zocchi 
Anno di pubblicazione:  2002 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 Dimensione file:  34 KB

Questo studio inizia con una panoramica sui flussi migratori determinatisi dalla Cina, un paese di grande tradizione migratoria specialmente nei due secoli passati, con sbocco prevalente nel Sudest asiatico, area più facilmente raggiungibile. All’inizio degli anni ‘90 il numero dei cinesi presenti in Asia (Indonesia, Tailandia, Malesia, Birmania, e Filippine) nel 1990 ammontava, secondo stime, a circa 20.700.000, il numero di quelli presenti negli Stati Uniti a 1.800.000, in Sud America (Perù e Brasile) a 600.000, in Australia a 330.000 e in Europa a 525.000. Il continente europeo venne solo marginalmente coinvolto dal movimento migratorio di origine cinese fino all’inizio del ventesimo secolo. Nei due decenni passati i flussi di migrazione cinese di questi ultimi anni in Europa hanno creato allarme, oltre che per la prepotente crescita del numero totale di immigrati di diverse nazionalità anche per la generale impreparazione di paesi come l’Italia; paesi di emigrazione per tradizione e dunque non abituati a gestire grandi flussi di immigrazione secondo una pianificazione lungimirante. Ora, ridimensionato l’allarme, si è maggiormente propensi a rivedere alcuni luoghi comuni sui cinesi. Sono soprattutto le istanze determinate dalla presenza di una sempre più nutrita seconda generazione a mettere un maggior numero di istituzioni e un maggior numero di adulti cinesi di fronte alla necessità di un incontro, di una reciproca conoscenza e di una collaborazione ai fini della continuità di una convivenza che non generi più paura e allarmismo.


Sabrina Zocchi, in "AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI" 2/2002, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche