L'oasi nel deserto. Il vero uomo o l'uomo vero? Da captivus a cattivo..ad angelo

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Sonia Coraleo
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. Dimensione file: 63 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

È il racconto di uno stralcio (due anni) di incontro terapeutico, dove è evidente la matrice gruppo-analitica della terapeuta. Si intravedono modalità relazionali e tematiche ricollegabili attraverso la rete di senso che dà loro Angelo stesso. Il suo atteggiamento di delega, ad esempio (il non giocare in prima persona) e come questo assuma una funzione di controllo dell’imprevedibile e dunque ignoto, a loro volta fantasmaticamente associabili per lui ad un timore del rifiuto e ad una valutazione di inadeguatezza, da parte dei suoi censori interni ed esterni. Il rifiuto è la problematica che apre il tema dell’abbandono, reificatosi con la separazione dalla moglie, ma legato anche a squarci di ricordi molto antichi. La sofferenza legata al rifiuto, all’abbandono, al bisogno di riconoscimento esterno e di conferme sono tutti attraversati dal tema dell’identità; pian piano Angelo arriva a descriversi come sconosciuto a sé stesso, un attore di un teatro così simile a quello giapponese, dove, nel secolo XIV, famiglie di attori presero a tramandarsi di generazione in generazione la loro arte, riproponendo le medesime trame senza alcuna modifica. Tutti questi aspetti risuonano prepotentemente (ed a volte sono proprio agiti) all’interno della relazione terapeutica, con giochi di potere, con elementi che impediscono uno spazio per vedersi, o altri che fanno sì che la separazione di volta in volta venga esorcizzata. A ciò si aggiunge il sovraccarico di aspettative depositate dalla terapeuta, in quanto Angelo è il suo primo e in quel momento unico paziente privato. Solo col tempo riuscirà ad essere visto non solo come figlio dei suoi genitori, o il paziente, ma come Angelo. Dunque da Captivus (prigioniero) a cattivo (tradimento-senso di colpa) ad Angelo. Permettendosi di non aderire alla consegna del mito familiare e culturale del vero uomo, può iniziare a osservare qual è l’uomo vero che ha in sé. Parole chiave: identificazioni tracciate (trailed), fragilità della forza, spazio senza.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Sonia Coraleo, L'oasi nel deserto. Il vero uomo o l'uomo vero? Da captivus a cattivo..ad angelo in "GRUPPI" 2/2002, pp , DOI: