Clicca qui per scaricare

Le associazioni di cittadini stranieri in Italia
Titolo Rivista: AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI 
Autori/Curatori: Simona Tradardi 
Anno di pubblicazione:  2002 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 Dimensione file:  34 KB

Il CNEL, luogo delle rappresentanze della società italiana, recentemente ha promosso un’ indagine, realizzata dalla Fondazione Corazzin di Venezia, sull’associazionismo degli stranieri in Italia. Quante sono le associazioni di cittadini stranieri in Italia ? Come e dove nascono ? Quali sono le aree, le regioni, le province, le città e i paesi dove si radicano maggiormente ? A quali gruppi fanno riferimento e come questi guidano le diverse strategie di inserimento sul territorio ? A queste e ad altre domande ha cercato di dare una risposta l’indagine promossa dal CNEL. Sono 893 le associazioni di cittadini stranieri presenti in Italia, i Comuni presi in esame sono 2264. Il lavoro di ricerca si è basato essenzialmente su un indagine approfondita che è passata principalmente attraverso il contatto con tutti i Comuni con più di 5000 abitanti. Attraverso questa procedura è stato possibile ottenere i nominativi di circa 600 associazioni di stranieri. Sicuramente, il numero delle associazioni censite dall’indagine è superiore, forse anche in maniera consistente, rispetto a quello reale. Infatti, le associazioni di stranieri, eccetto le più grandi e “istituzionalizzate”, sono soggette a continui cambiamenti: nascono e si sciolgono con relativa facilità, i referenti cambiano velocemente, le sedi spesso coincidono con le abitazioni dei referenti oppure sono presso sindacati, scuole, comuni o altri enti di carattere assistenziale, associazioni e quindi, non è possibile monitorarle in maniera completa. La fluidità di questa realtà non ha impedito di tracciare una mappa completa dell’associazionismo straniero nelle sue diverse forme, capace di indirizzare, far conoscere e capire meglio un mondo nuovo, con possibilità di grande crescita e di radicamento del territorio, attraverso la quale gli immigrati cercano di organizzarsi allo scopo di rendersi positivamente visibili, facendo sentire la propria voce, i propri Obiettivo dell’indagine è stato quello di porre l’attenzione sulla reale dimensione del fenomeno dell’associazionismo degli stranieri, come segno di una presenza viva che vuole essere non solo ospite ma anche parte integrante della società.


Simona Tradardi, in "AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI" 3/2002, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche