La psicoanalisi fra valutazione del conflitto e del deficit e diagnosi

Titolo Rivista: RASSEGNA DI PSICOLOGIA
Autori/Curatori: Massimo Ammaniti
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. Dimensione file: 67 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel mio contributo vorrei discutere due aspetti diversi del lavoro psicoanalitico, da una parte la valutazione e la formulazione clinica e dall’altra la formulazione diagnostica, processi che sembrano muoversi secondo strade molto diverse. La formulazione clinica, infatti, presuppone sempre una teoria della personalità perché le domande che lo psicoanalista si pone hanno a che fare con quello che si pensa della personalità e come questa si correli con il quadro sintomatologico (Westen, 1998). Lo psicoanalista quando incontra il paziente si chiede inevitabilmente: che cosa desideri questa persona, che cosa tema, a che cosa dia valore e dall’altra quali siano le sue risorse psicologiche (cognitive, affettive e comportamentali) e come percepisca sé e gli altri e come possa coinvolgersi in una relazione intima.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Massimo Ammaniti, La psicoanalisi fra valutazione del conflitto e del deficit e diagnosi in "RASSEGNA DI PSICOLOGIA" 2/2002, pp , DOI: