Click here to download

Stati Uniti ed Europa in corsa per Marte
Journal Title: AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI 
Author/s: Mario Arpea 
Year:  2004 Issue: Language: Italian 
Pages:  5 FullText PDF:  40 KB

Un passo importante, forse decisivo per la conquista del piante rosso, è stato compiuto il 4 gennaio scorso con la discesa della sonda americana Spirit su Marte, dopo un viaggio di sette mesi e circa 500 milioni di Km. percorsi nello spazio, viaggio coronato da un impatto perfetto, sotto gli occhini miliardi di spettatori incollati ai teleschermi in ogni angolo del mondo. Subito dopo, la sonda ha cominciato a trasmettere spettacolari immagini del paesaggio marziano. A distanza di una ventina di giorni, anche la sonda gemella Opportunity, ha toccato felicemente il suolo nei pressi dell’equatore di Marte, rilevando la presenza di ossido di ferro, un minerale che si forma solitamente nell’acqua, nella vicinanza di sorgenti calde o nel fondo dei laghi e dei mari. Con ciò confermando che Marte era un tempo più umido e più ospitale verso le forme di vita. Allo stesso risultato è giunta pure la sonda europea Mars Express, che ha individuato tracce di ghiaccio al suolo e che resterà due anni in orbita per accertare se sul pianeta rosso vi siano segni d’acqua anche nel sottosuolo.

Mario Arpea, in "AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI" 2/2004, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content