Il comportamento fobico del bambino:disturbo evolutivo o precursore di patologia nell'età adulta? Ipotesi per una diagnosi preferenziale

Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE
Autori/Curatori: Miriam Gandolfi, Francesco Martinelli
Anno di pubblicazione: 2004 Fascicolo: 75 Lingua: English
Numero pagine: 19 P. Dimensione file: 141 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gli autori propongono un’ipotesi di lettura del sintomo fobico nel bambino che, pur tenendo conto degli apporti della teoria dell’attaccamento, si muove entro una prospettiva squisitamente sistemico-costruzionista. Si intende con ciò un approccio di tipo processuale complesso, coerente con i recenti sviluppi epistemologici e insieme fedele agli aspetti più originali e innovativi del pensiero batesoniano. L’ar¬ticolo si riferisce alle prime conclusioni di un lavoro di ricerca relativo al trattamento familiare in cui il paziente designato sia il bambino. Nel caso specifico ci si riferisce ad un gruppo di 22 bambini, di età compresa tra 5.6 anni e 11.6 anni, con diagnosi di fobia scolare. Oltre ad un’ipotesi sulla genesi ed il significato evolutivo del sintomo, vengono indicate alcune rilevanti implicazioni terapeutiche.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Miriam Gandolfi, Francesco Martinelli, Il comportamento fobico del bambino:disturbo evolutivo o precursore di patologia nell'età adulta? Ipotesi per una diagnosi preferenziale in "TERAPIA FAMILIARE" 75/2004, pp , DOI: