Lo sviluppo di un punto di vista relazionale sui disturbi psichici a partire dalla gruppoanalisi e dalle supervisioni

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Robi Friedman
Anno di pubblicazione: 2005 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 12 P. Dimensione file: 68 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In questo articolo Friedman affronta un punto centrale per lo sviluppo futuro della terapia di gruppo e per la possibilità che venga elevata allo stesso livello della terapia individuale, ovvero la capacità di pensare al gruppo, ai singoli pazienti e ai loro problemi nei termini di modalità interpersonali, anziché di processi intrapsichici. L’autore propone una classificazione dei problemi psicologici, che si manifestano nel gruppo attraverso costellazioni tipiche, da un punto di vista relazionale e distingue: 1. Il disturbo relazionale da carenza, 2. il disturbo relazionale da rifiuto, 3. il disturbo relazionale da disinteresse, 4. il disturbo relazionale da esclusione. Le considerazione teoriche di Friedman sono supportate da vivide esemplificazioni cliniche.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Robi Friedman, Lo sviluppo di un punto di vista relazionale sui disturbi psichici a partire dalla gruppoanalisi e dalle supervisioni in "GRUPPI" 1/2005, pp , DOI: