Limiti e vantaggi della musicoterapia nell'Alzheimer: Un'esperienza di gruppo in un Centro Diurno dell'ASL

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Marisa Manzon, Alessandra Bianco
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 83-96 Dimensione file: 78 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La musicoterapia è una tecnica di comunicazione che utilizza il suono, la musica e il movimento come oggetti intermediari, in cui questi elementi pre-verbali e non-verbali fanno retrocedere la comunicazione a stati di grande regressione, il che permette di riorganizzare l’ap¬prendimento del paziente (Benenzon, 1997). Attraverso l’utilizzo di questa tecnica, è stato attivato un gruppo sperimentale di musicoterapia, rivolto a pazienti affetti da malattia di Alzheimer. I pazienti scelti per la partecipazione al gruppo, sono tutti colpiti da deterioramento cognitivo severo, gravi deficit nella produzione verbale e in alcuni casi nell’articolazione dei movimenti e della parola. L’obiettivo principale prevedeva la promozione dell’integrazione dei pazienti all’interno del gruppo, in un contesto comunicativo non verbale che prevede un interscambio musicale comune. L’assetto gruppale ha permesso e favorito la condivisione dei propri vissuti emotivi, la costituzione di nuove relazioni e il miglioramento delle capacità di socializzazione.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Marisa Manzon, Alessandra Bianco, Limiti e vantaggi della musicoterapia nell'Alzheimer: Un'esperienza di gruppo in un Centro Diurno dell'ASL in "GRUPPI" 3/2006, pp 83-96, DOI: