Una culpa in interpretando? (Note sulla responsabilità colposa del professionista del processo

Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA
Autori/Curatori: Giuseppe Di Chiara
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 5 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 873-889 Dimensione file: 112 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

È ragionevole far leva, enfatizzandola, su una pretesa centralità degli impianti della responsabilità disciplinare del magistrato e dell’avvocato o dei congegni della responsabilità per danni allo scopo di cautelare il sistema da possibili abusi interpretativi perpetrabili dai protagonisti della procedura giudiziaria? O non occorre, piuttosto, riaffermare allo scopo la centralità dei meccanismi autoregolativi del processo, della metodologia del contraddittorio, della successione dei gradi di giudizio, dell’obbligo di motivazione imposto al giudice e del controllo sulla ragionevolezza della stessa, rinvenendo qui gli strumenti chiave per la verifica e la metabolizzazione fisiologica di una possibile culpa in interpretando?

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Giuseppe Di Chiara, Una culpa in interpretando? (Note sulla responsabilità colposa del professionista del processo in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2006, pp 873-889, DOI: