Questione informatica e Consiglio superiore della magistratura

Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA
Autori/Curatori: Roberto Braccialini
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 5 Lingua: Italiano
Numero pagine: 8 P. 957-964 Dimensione file: 80 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La nota riflette il punto di vista di uno dei collaudatori del programma per la redazione dei decreti ingiuntivi telematici e della consolle del magistrato su sei mesi di sperimentazione. Non impegna, ovviamente, i tempi e le strategie delle competenti direzioni ministeriali, né le attività dei laboratori in cui si sta sperimentando il processo civile telematico, né quelle del RTI che lo gestisce. Vuole essere, piuttosto, un monito al Consiglio superiore della magistratura perché l’organo di governo autonomo dedichi maggiore attenzione all’introduzione delle nuove tecnologie nell’ordinario lavoro dei magistrati.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Roberto Braccialini, Questione informatica e Consiglio superiore della magistratura in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2006, pp 957-964, DOI: