Clicca qui per scaricare

Sviluppo della visione nei prematuri: uno studio elettrofisiologico
Titolo Rivista: CHILD DEVELOPMENT & DISABILITIES - SAGGI 
Autori/Curatori: G. Ruberto, R. Angeli, R. Guagliano, D. Barillà, S. Signorini, E. Fazzi, M. Antonini, P.E. Bianchi 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 33-47 Dimensione file:  255 KB
DOI:  10.3280/CDD2009-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Sviluppo della visione nei prematuri: uno studio elettrofisiologico - Negli ultimi decenni lo sviluppo delle metodiche elettrofunzionali ha permesso di determinare in maniera oggettiva e sufficientemente precisa l’evoluzione visiva nei primi anni di vita. Nel presente lavoro viene descritto uno studio condotto su 92 nati a termine e 29 nati pretermine (tra 28 e 35 sett. di Età Gestazionale). Tutti i soggetti sono stati sottoposti a valutazione elettrofisiologica con PEV flash, PEV pattern transient di tipo reversal, PEV pattern di tipo steady-state; tali esami sono stati praticati 2 volte (a 3 ed a 8 mesi di vita) nei nati a termine e 4 volte (a 3 mesi post-natali, a 3 mesi di età corretta, a 8 mesi post-natali, a 8 mesi di età corretta) nei prematuri. I risultati confermano l’utilità degli esami elettrofisiologici nello studio della maturazione neurovisiva del prematuro.

Parole chiave: maturazione visiva, potenziali evocati visivi da flash (f-PEV), potenziali evocati visivi da pattern transient (p-PEV), potenziali evocati visivi da pattern steady-state (ss-PEV), elettroretinogramma




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

G. Ruberto, R. Angeli, R. Guagliano, D. Barillà, S. Signorini, E. Fazzi, M. Antonini, P.E. Bianchi, in "CHILD DEVELOPMENT & DISABILITIES - SAGGI" 1/2009, pp. 33-47, DOI:10.3280/CDD2009-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche